1FB779FD-17A0-4386-998D-2F959B8CC826
Cronaca

Asti, il ragazzino di 13 anni morto a Capodanno è stato ucciso da un proiettile, non da un botto

La rivelazione dell’autopsia. Ieri 50 carabinieri al campo rom di via Guerra per perquisizioni a tappeto. Per ora nessun indagato

Non è stato un fuoco d’artificio a causare la morte del ragazzino di 13 anni, Airudin Seferovic la notte di Capodanno durante i festeggiamenti al campo rom di via Guerra. La ricostruzione circolata nei primi giorni dopo la disgrazia è stata smentita dagli esiti dell’autopsia eseguita martedì scorso e le cui anticipazioni sono giunte alla Procura e ai carabinieri poco fa.

Nell’addome del ragazzino la dottoressa Veglia, medico legale incaricato dell’autopsia, ha rinvenuto residui di un proiettile calibro 12, usato solitamente nei fucili da caccia. Sicuramente è stato sparato da distanza ravvicinata il che fa propendere gli investigatori per una tragica fatalità avvenuta durante i minuti di passaggio dell’anno, durante i festeggiamenti al campo.

Nella giornata di ieri il campo rom è stato sottoposto a perquisizioni a tappeto da parte di 50 carabinieri del Comando provinciale ma non è stato trovato nulla che potesse essere legato allo sparo che ha provocato la morte del ragazzino. Sono stati risentiti tutti i testimoni presenti al momento dello sparo ma, al momento, non risulta indagato nessuno.

Daniela Peira

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail