La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, in gravi condizioni la coppia rimasta ferita nello scoppio dell’abitazione a Revignano
CronacaAsti -

Asti, in gravi condizioni la coppia rimasta ferita nello scoppio dell’abitazione a Revignano

I poliziotti delle Volanti sono stati i primi ad intervenire, trasportando a braccia l'uomo, sbalzato all'esterno dell'edificio dalla violenta esplosione

Gravi ustioni

Lo scoppio, violentissimo, lo ha sbalzato all’esterno dell’abitazione e gli agenti delle Volanti della polizia, intervenuti per primi, lo hanno trasportato a braccia, per allontanarlo dall’ulteriore pericolo di un muro che stava crollando. Poi, con un filo di voce, l’uomo è riuscito a far sapere ai soccorritori che all’interno della casa si trovava la sua compagna. L’hanno raggiunta nel soggiorno i poliziotti e i vigili del fuoco nel frattempo arrivati sul posto e affidata al personale del 118. Entrambi sono stati trasferiti all’ospedale Cto di Torino, ricoverati in gravi condizioni. È il terribile incidente avvenuto nella mattinata di ieri, domenica, intorno alle 8,30, in un’abitazione di Revignano, località alle porte di Asti. Un boato ha squarciato il silenzio della campagna e i vicini hanno subito avvisato le forze dell’ordine. Una Volante si è subito diretta in zona, cercando di capire che cosa fosse successo e a che cosa fossero dovuti gli scoppi che erano stato segnalati. Hanno così individuato l’abitazione e il fumo che ne fuoriusciva, prestando il primo intervento e i primi soccorsi. Quindi la richiesta di intervento ai vigili del fuoco e l’impegnativa opera per soccorrere i feriti e mettere in sicurezza l’edificio, devastato dallo scoppio, provocato, secondo le prime ipotesi, da una fuoriuscita di gas. Permangono gravi le condizioni della coppia, Patrizia Cerrato, 55 anni, e Pier Paolo De Rossi Mezzina, 53 anni: residenti a Genova, le loro famiglie risiedono nell’Astigiano. Si trovavano a Revignano per trascorrere il fine settimana con la famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente