tribunale di asti
Cronaca
Tribunale

Asti, minaccia un testimone ma non si accorge che lo sta ascoltando il pm in pausa

Condannato ad 1 anno e 4 mesi al termine del processo che ha visto il pm nell’insolita veste di testimone

Processo curioso quello che si è tenuto ieri mattina al tribunale di Asti dinanzi al giudice Bertelli Motta.

Intanto perchè il reato contestato si è consumato proprio nei corridoi di Palazzo di Giustizia e poi perchè il “testimone chiave” era uno dei pm onorari in servizio nelle aule della giustizia penale.

Imputato un uomo di 61 anni, già sotto processo per un altro fatto che riguardava la cessione di un’auto d’epoca ad un carrozziere poi deceduto.

Proprio in relazione all’udienza per la questione dell’auto d’epoca, era prevista la testimonianza di un ragazzo chiamato dalla parte civile e l’imputato evidentemente non gradiva che dicesse la sua. Così, nei corridoi fuori dall’aula in cui si sarebbe tenuta l’udienza, in attesa di essere chiamati, l’imputato ha avvicinato il testimone che era appoggiato ai termosifoni e lo ha minacciato con un bastone che utilizzava per camminare. Gli ha detto che glielo avrebbe spaccato in testa se avesse parlato davanti al giudice rincarando dicendo che altre cose molto volgari le avrebbe fatte, sempre con lo stesso bastone, fuori dal tribunale.

Il testimone non si è fatto intimidire rispondendo che avrebbe raccontato solo la verità al giudice ma quello che l’imputato non aveva considerato era che l’uomo che indossava la toga che si trovava poco distante a controllare i messaggi sul telefono era il pm onorario Bellora durante una pausa del processo precedente e aveva sentito e visto tutto. Il pm ha immediatamente chiesto l’intervento delle forze dell’ordine di turno, ha fatto identificare l’uomo con il bastone e ha raccontato a quanto aveva assistito. Nei giorni scorsi il processo condotto dal dottor Cotti che ha interrogato il pm onorario nelle insolite vesti di testimone.

L’imputato ne è uscito con una condanna ad 1 anno e 4 mesi per minaccia.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo