La Nuova Provincia > Cronaca > Asti, rapina al Carrefour di via Baracca: è un 19enne di origini pugliesi l’uomo arrestato dalla polizia
CronacaAsti -

Asti, rapina al Carrefour di via Baracca: è un 19enne di origini pugliesi l’uomo arrestato dalla polizia

Uno dei tre rapinatori è stato bloccato, durante la fuga, dai poliziotti di Volanti e Squadra mobile, nella vicina via Fantaguzzi. Proseguono le indagini per risalire all'identità dei due complici

Arrestato un 19enne

È un 19enne di origini pugliesi l’uomo arrestato dagli agenti delle Volanti e della Squadra mobile della polizia ieri sera, mercoledì, pochi minuti dopo la rapina messa a segno al supermercato Carrefour di via Baracca. Poco dopo le 19 tre uomini, con il volto coperto, erano entrati nel supermercato: uno di loro era armato di revolver e, sotto la minaccia della pistola, i tre si erano impossessati del contenuto di due registratori di cassa, dandosi poi alla fuga, a piedi, in direzione di via Oriani, dove erano stati visti correre dagli impiegati subito dopo il colpo. Raccolte le prime descrizioni dei rapinatori, i poliziotti, subito intervenuti dalla vicina Questura cittadina, si sono messi alla ricerca della banda, grazie anche all’indicazione di un cittadino che, affacciato ad un balcone, ha indicato agli agenti la via di fuga dei malviventi lungo via Duca d’Aosta: i tre stavano infatti cercando di fuggire, scavalcando il muro di recinzione dell’ex Maternità.

Bloccato in via Fantaguzzi

Con una manovra congiunta, gli agenti delle Volanti sono riusciti a chiudere la via di fuga ai tre uomini e in via Fantaguzzi hanno bloccato uno dei tre, mentre gli altri due sono riusciti a dileguarsi lungo la stessa via, in direzione di viale Partigiani. L’arrestato, un 19enne di origini pugliesi, è stato accompagnato in Questura, mentre al supermercato iniziava il lavoro della Polizia Scientifica, per effettuare i rilievi. Successivamente, seguendo le tracce dei rapinatori in fuga, nei pressi del muro di recinzione dell’ex Maternità sono stati recuperati i due cassetti dei registratori di cassa, con ancora all’interno del denaro, che venivano immediatamente restituiti al personale del supermercato. Sono tuttora in corso le indagini per risalire all’identità degli altri due complici. Bottino della rapina, circa 1.500 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente