Cerca
Close this search box.
polizia volanti 1
Cronaca
Polizia

Asti, rubano Gratta e Vinci, arrestati dalla polizia

Il furto era avvenuto poco prima in un punto vendita di Villafranca

Nel corso dei servizi di vigilanza, prevenzione dei reati e controllo del territorio, intensificati in occasione della festività del Ferragosto appena trascorsa, gli equipaggi delle Volanti della Questura di Asti hanno effettuato alcuni controlli a campione di persone e mezzi nel parcheggio della piscina di strada Santo Spirito. Nel corso dei controlli, gli agenti della Polizia hanno notato una autovettura parcheggiata con targa francese con due persone a bordo. Si è proceduto al controllo e dalla verifica alla Banca dati sarebbero emersi diversi precedenti di polizia per reati contro il
patrimonio e contro la persona. “Nello specifico i due uomini venivano identificati per un 53enne nato in Russia, di fatto senza fissa dimora, ed un 37enne nato in Georgia e domiciliato a Biella. Durante il controllo a carico del cittadino georgiano emergeva, inoltre, un provvedimento di cattura in area Schengen emesso dalla Germania: un mandato di arresto europeo provvisorio per un furto commesso in quello Stato – spiega la Questura – Visti i precedenti di polizia a carico dei due ed il provvedimento di cattura gli operatori procedevano alla perquisizione personale estesa all’autovettura, dove venivano rinvenuti, all’interno di un vano porta oggetti, 14 “Gratta e vinci” risultati, a seguito di accertamenti, rubati poco prima in un punto vendita di Villafranca d’Asti”.

Accompagnati in Questura e sottoposti ai rilievi fotodattiloscopici, i due uomini sono stati indagati per il furto di Gratta e vinci, l’autovettura posta sotto sequestro poiché utilizzata per commettere il reato ed il 37enne georgiano è stato accompagnato nel carcere di Alessandria, in stato di arresto, a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Edizione digitale