La Nuova Provincia > Cronaca > Asti: scoperto ai domiciliari con quattro amici e marijuana
Cronaca Asti -

Asti: scoperto ai domiciliari con quattro amici e marijuana

La polizia ha tratto in arresto il ragazzo dopo aver sequestrato stupefacenti, già divisi in dosi, e trovato 800 euro in contanti

Asti: 26enne agli arresti domiciliari viene sorpreso dalla polizia insieme ad alcuni amici e con diversi stupefacenti

E’ successo a Ferragosto, durante un servizio di vigilanza e controllo del territorio: agenti delle Volanti della polizia di Asti hanno proceduto al controllo nell’abitazione di un 26enne, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari, scoprendo un “fuori programma”.

Sin da subito, i poliziotti hanno notato uno strano atteggiamento da parte del giovane che ha accolto gli agenti sul pianerottolo dell’abitazione, quasi a voler evitare che gli stessi facessero ingresso in casa.

Insospettiti da un comportamento anomalo

Insospettiti dal comportamento anomalo e da uno particolare odore aromatico, come di marijuana, che fuoriusciva dall’abitazione, gli operatori hanno invitato il 26enne a fare rientro in casa, dove l’hanno seguito. Alla domanda se fosse in compagnia, il giovane ha assunto un atteggiamento ancora più agitato.

I poliziotti, a quel punto, hanno ispezionato l’appartamento, all’interno del quale è stata dapprima riscontrata la presenza di quattro persone, tre delle quali già noti alla polizia, non autorizzate a stare in casa del sottoposto alla misura, e su un tavolo della veranda, oltre a diverse bottiglie di superalcolici, i poliziotti hanno trovato della marijuana.

In casa aveva diversi stupefacenti

Gli agenti, quindi, hanno proceduto alla perquisizione rinvenendo tre tipi di sostanze stupefacenti già divisa in dosi, cocaina, hashish e marijuana, e 800 euro in contanti.

Le sostanze sono state sequestrate e sottoposte a narco-test dal locale Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica che ha dato esito positivo.

Il 26enne, condotto in Questura, è stato sottoposto a rilievi foto-dattiloscopici, tratto in arresto per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti e segnalato all’Autorità Giudiziaria per aver violato le prescrizioni previste dalla misura cautelare.

Articolo precedente
Articolo precedente