Borseggi nel centro di Alba: due romeni di Asti tra i denunciati dai Carabinieri
Cronaca

Borseggi nel centro di Alba: due romeni di Asti tra i denunciati dai Carabinieri

Sono quattro le vittime, passanti o anziani soli, dei borseggi avvenuti negli ultimi giorni nell’area pedonale del centro storico albese lungo via Maestra e in Piazza Savona. Si tratta di una vedova

Sono quattro le vittime, passanti o anziani soli, dei borseggi avvenuti negli ultimi giorni nell’area pedonale del centro storico albese lungo via Maestra e in Piazza Savona. Si tratta di una vedova 76enne albese, un impiegato 40enne di Neive (Cn), un pensionato 78enne di Bra (Cn) ed un commerciante d’auto 65enne di Canale (Cn). Le vittime si sono però accorte di essere state alleggerite del portafogli solo tardivamente e questo non ha aiutato i militari nelle prime indagini volte a risalire agli autori.

I Carabinieri di Alba (Cn), ricevute le denunce in caserma, hanno visionato i filmati del sistema di videosorveglianza comunale della zona in cui erano stati perpetrati i furti notando la presenza, proprio in concomitanza dei borseggi perpetrati ai passanti, di tre soggetti sospetti, in particolare un ragazzo e una ragazza che sembravano essere fidanzati ed un giovane di colore. I militari sono riusciti a risalire alla loro identità e, una volta sottoposte le foto segnaletiche alle vittime, certificare che si trattava proprio degli autori dei borseggi.

Un'ulteriore prova a carico dei due fidanzatini è stata inoltre raccolta dai Carabinieri grazie alla collaborazione dell’Ufficio Sicurezza C.R.ASTI. Subito dopo uno dei borseggi, infatti, gli indagati hanno prelevato 800 euro in contanti, con la carta bancomat rubata poco prima dalla borsa della pensionata 76enne albese, dallo sportello prelievi della filiale C.R.ASTI di piazza S. Francesco venendo ripresi a loro insaputa dalla telecamera di sicurezza.

I borseggiatori, tutti con precedenti penali specifici, sono stati denunciati per furto aggravato e ricettazione. Si tratta di un marocchino 20enne che vive a Torino e di due conviventi romeni 20enni che vivono ad Asti. Le indagini sul loro conto sono tuttora in corso perché potrebbero essersi resi autori di altri furti o borseggi analoghi commessi in città.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo