A Casabianca tornerà ad esseretransitabile Strada Valcrosa
Cronaca

A Casabianca tornerà ad essere
transitabile Strada Valcrosa

Buone notizie per gli abitanti di Casabianca che, da anni, attendono di rivedere aperta strada Valcrosa, via di collegamento rapido tra il centro abitato e Valle Manina. Chiusa per frana "a tempo

Buone notizie per gli abitanti di Casabianca che, da anni, attendono di rivedere aperta strada Valcrosa, via di collegamento rapido tra il centro abitato e Valle Manina. Chiusa per frana "a tempo indeterminato" e oggi più simile ad una selva che ad una strada, la via sarà sistemata e riaperta al transito delle auto nel 2015. A confermarlo è il sindaco Brignolo che, insieme all'assessore ai Lavori Pubblici Bianchino e al consigliere Viarengo, ha effettuato un sopralluogo per valutare lo stato dei danni.

L'intervento in strada Valcrosa sarà finanziato dalla Regione Piemonte grazie ad un decreto firmato dal presidente Sergio Chiamparino a metà ottobre e con il quale vengono stanziati 300.000 euro sia per la frana di Casabianca (costo dei lavori 150.000 euro) sia per un secondo ripristino strutturale a Serravalle. «Ringraziamo la consigliera regionale Angela Motta che ha seguito la pratica con cui la Regione ha riconosciuto il finanziamento per il ripristino della strada diretta al centro di Casabianca» ha commentato Brignolo visitando, nello stesso giorno, anche un cantiere in strada Valbella, tra Val Rilate e Valle Manina.

Qui l'amministrazione è riuscita, con fondi propri, a far partire i lavori di sistemazione della strada. «E' stato raggiunto un accordo tra il privato proprietario dell'area soprastante e il Comune per la suddivisione dei costi ? ha spiegato il sindaco ? e così si è potuto dare il via libera al ripristino». A Serravalle, con la metà del finanziamento regionale, sarà invece sistemata la frana su strada Briccalone, proprio davanti alla chiesa parrocchiale. «Anche in questo caso si prevede che l'opera venga completata nel 2015 ? conclude Brignolo ? perché i progetti preliminari sono già pronti fin da giugno 2013 quando la Giunta aveva approvato preliminari e definitivi».

r.s.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo