La Nuova Provincia > Cronaca > Calliano, le buche provocano incidenti a catena: tre auto via con il carroattrezzi
Cronaca Moncalvo e Nord -

Calliano, le buche provocano incidenti a catena: tre auto via con il carroattrezzi

Nella zona della Pirenta, soprattutto con il buio, ieri è stato un disastro. E il sindaco si arrabbia perchè non esiste un servizio di "emergenza" della Provincia

A causa della pioggia

Altra giornata di passione sulla ex SS 457 Asti – Casale a causa delle numerose buche sul manto stradale. Dopo una settimana di cattivo tempo, con intere giornate di intense piogge, l’asfalto ha nuovamente dato segni di cedimento creando pericoli per il transito degli automobilisti. A risentire dei maggiori disagi è, questa volta, la zona in località Pirenta di Calliano,  lungo il rettilineo che costeggia lo stabilimento Fassa. Nella giornata di ieri, venerdì 20 dicembre, sono state numerose le segnalazioni di vetture che hanno riportato seri danni. Di queste, almeno tre, sono dovute ricorrere al soccorso stradale con carroattrezzi. Con il calare della sera gli incidenti sono aumentati, fino ad arrivare intorno alle 19.30 quando le forze dell’ordine hanno allertato il sindaco di Calliano Paolo Belluardo.

L’ira del sindaco Belluardo

La competenza della manutenzione della strada spetta alla Provincia di Asti ma, ieri sera, non era attivo il servizio reperibilità per le urgenze legate alla viabilità. Così Belluardo ha dovuto far fronte a una situazione indifferibile senza averne, per altro, i mezzi: «È inaccettabile che la polizia mi chiami per dirmi che spettava a me il compito di sistemare la strada perché la Provincia non  poteva intervenire vista l’ora. Se ne sono disinteressati, delegando ad altri ciò che avrebbero dovuto, invece, fare loro».

Volontario ha tappato le buche

E, così, il vulcanico primo cittadino ha dato fondo a tutte le sue conoscenze, maturate negli anni, per cercare di risolvere il problema: «Ho subito telefonato al responsabile del servizio direzione lavori pubblici e strade della Provincia di Asti, Paolo Biletta. Non ho ricevuto risposta. A quel punto ho agito di mia iniziativa. Grazie ad un volontario che,   senza chiedere nulla, si è precipitato e ha chiuso le grandi buche sull’asfalto, lavorando fino a notte tarda». Questa storia lascia l’amaro in bocca a Belluardo: «La Provincia non può comportarsi in questo modo, mettendo in difficoltà i Sindaci. Deve esistere un servizio urgenze che gestisca casi del genere. Non è giusto che la responsabilità di interventi provinciali sia scaricata addosso ai comuni». Nella giornata di oggi, sabato 21 dicembre, i cantonieri provinciali erano al lavoro per posare asfalto a freddo sulle buche, della ex SS 457, che si sono aperte in questi giorni. Solo nelle scorse settimane si era provveduto alla bitumatura di intere parti di manto stradale. Da alcune segnalazioni pervenute, anche in queste nuove zone si sarebbero aperte già delle buche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente