Caso Atc, attesa e tensionesul patteggiamento di Santoro
Cronaca

Caso Atc, attesa e tensione
sul patteggiamento di Santoro

Si avvicina la data del patteggiamento a quattro anni dell'ex direttore amministrativo dell'Atc di Asti, Pierino Santoro che deve rispondere di un maxi ammanco di 10 milioni di euro dalle

Si avvicina la data del patteggiamento a quattro anni dell'ex direttore amministrativo dell'Atc di Asti, Pierino Santoro che deve rispondere di un maxi ammanco di 10 milioni di euro dalle casse dell'ente. E' fissata per il 20 novembre l'udienza davanti al Gip Giannone che dovrà decidere sulla proposta di pena concordata dalla Procura e dall'avvocato difensore Mirate. Una scelta, quella del rito alternativo del patteggiamento, che ha escluso in un sol colpo la presenza delle tante parti civili che si erano presentate all'udienza di fine settembre e che continuano a dichiararsi contrarie ad una soluzione di questo tipo.

Sia perchè, in questo modo, non si terrà un processo pubblico ma tutto si consuma nell'ufficio del gip, sia perchè la pena concordata viene ritenuta troppo lieve rispetto al reato contestato. Soprattutto rispetto all'enorme quantità di denaro che, secondo i calcoli della Guardia di Finanza, l'ex direttore avrebbe "drenato" dai conti correnti postali e bancari e dalle casse contanti dell'ente preposto a gestire le case popolari di Asti e provincia. Tenuto conto anche dei suoi comportamenti durante il periodo delle indagini così come emersi da numerose intercettazioni che sono allegate agli atti. Finora Santoro ha restituito "solo" 800 mila euro. Gli sono stati sequestrati beni per un valore che si aggira sui 2 milioni di euro.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo