La Nuova Provincia > Cronaca > Controlli anticovid della polizia di Asti in discoteca: interrotta la serata in una sala da ballo a Vigliano
Cronaca Costigliole - San Damiano -

Controlli anticovid della polizia di Asti in discoteca: interrotta la serata in una sala da ballo a Vigliano

Diverse irregolarità sono state riscontrate dalla polizia, tra cui la mancata applicazione delle norme per il contenimento della diffusione del Coronavirus

Blitz della polizia in una sala da ballo

Nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di vigilanza e controllo del territorio disposta in occasione del “Ferragosto”, anche in funzione di controllo sull’osservanza della normativa anticovid, nella notte scorsa personale della Squadra Mobile della Questura di Asti, coadiuvato da operatori della Sezione Attività di Controllo della Divisione P.A.S.I., del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica, da personale dell’ASL di Asti, del Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e delle Polizie Locali ha dato corso ad un’articolata attività di controllo nei confronti di un locale da ballo situato sulla strada Asti Mare nel comune di Vigliano.

«Il locale risultava essere aperto in virtù di una licenza temporanea per l’esercizio dell’attività di pubblico spettacolo, che autorizza a svolgere attività di pubblico spettacolo temporaneo nei locali esterni adibiti a sala da ballo dalle ore 22.00 alle ore 03.30 con numerose prescrizioni imposte dalla Commissione di Vigilanza di Pubblici Spettacoli. Gli operatori della Polizia di Stato e degli altri Enti che hanno portato a compimento il controllo, all’atto dell’ingresso, rilevavano ed accertavano svariate irregolarità, ed in particolare si accertava l’indebito utilizzo di una zona a ridosso della struttura che la Commissione di Vigilanza aveva inibito al pubblico in quanto non corrispondente alle vigenti norme, oltre ad altre violazioni inerenti le misure di sicurezza ed dell’igiene, in particolare dei due bar presenti all’interno e dei locali adibiti a servizi igienici – spiega la Questura di Asti – Ma a destare la maggiore preoccupazione degli operatori è stato l’accertamento della mancata applicazione delle norme per il contenimento della diffusione del nuovo coronavirus Covid-19: sono stati rilevati numerosi assembramenti di avventori sia nella pista da ballo che nei pressi dei bar, con palese violazione delle regole sul distanziamento sociale».

Interrotta dalla polizia la serata in discoteca

«E proprio in considerazione che l’attività di discoteca era incentrata principalmente nella zona che avrebbe dovuto essere interdetta al pubblico e le numerose violazioni accertate, si rendeva necessario poco dopo l’una di notte interrompere la serata: con la collaborazione dei gestori del locale, interrompendo la musica, accendendo le illuminazioni e dando ripetuti avvisi al numerosissimo pubblico presente che la serata era stata interrotta per ragioni di sicurezza, si facevano ordinatamente defluire all’esterno tutti gli avventori presenti (quantificati in oltre 500 persone), impedendo contemporaneamente l’ingresso a circa 200 persone che attendevano all’esterno – sottolineano dagli uffici della polizia astigiana – Le irregolarità riscontrate sono state documentate fotograficamente dal personale del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica e al termine dell’attività di accertamento i gestori venivano segnalati all’Autorità Giudiziaria in ordine ai reati di cui all’art. 483 c.p. (falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico), nonché in ordine al reato di cui all’art. 681 c.p. (apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo o trattenimento). Nei prossimi giorni verranno sviluppati gli accertamenti di rispettiva competenza ad opera degli Enti – A.S.L. di Asti, Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco e Polizie Locali – che hanno operato i controlli congiuntamente alla Polizia di Stato».

Articolo precedente
Articolo precedente