Cronache di giugno: tanti incidenti,auto a fuoco e pedoni investiti
Cronaca

Cronache di giugno: tanti incidenti,
auto a fuoco e pedoni investiti

Tanti incidenti stradali, alcuni anche gravi, sulle strade dell'Astigiano nel mese di giugno. Un autista straniero è rimasto vittima del navigatore satellitare e il suo Tir si è letteralmente "incastrato" sulla piazza principale di Azzano. Dal casello di Asti Est era diretto ad Isola ed il navigatore lo ha indirizzato tra le strette vie del Comune alle porte di Asti: accortosi di non poter proseguire, l'autista ha tentato un'inversione…

Tanti incidenti stradali, alcuni anche gravi, sulle strade dell'Astigiano nel mese di giugno. Un autista straniero è rimasto vittima del navigatore satellitare e il suo Tir si è letteralmente "incastrato" sulla piazza principale di Azzano. Dal casello di Asti Est era diretto ad Isola ed il navigatore lo ha indirizzato tra le strette vie del Comune alle porte di Asti: accortosi di non poter proseguire, l'autista ha tentato un'inversione, rimanendo aperto a libro fra il muraglione di sostegno e le case che si affacciano sulla piazza. Provvidenziale l'intervento dei Vigili del fuoco di Asti. E un autoarticolato carico di immondizia si è rovesciato all'altezza del casello di Asti Est, invadendo entrambe le carreggiate. Il conducente è rimasto incastrato nelle lamiere dell'abitacolo e per estrarlo è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco. Era poi stato trasportato all'ospedale di Alessandria in elisoccorso.

Tamponamento fra auto di primo mattino sulla ex statale per Asti, all'altezza del bivio per Valleandona: ad avere la peggio una Fiat Panda, che, dopo aver sbattuto contro l'auto che la precedeva, ha preso fuoco gettando nel panico i suoi occupanti e le altre vetture che seguivano. Ha coinvolto anche un bambino di 9 anni l'incidente avvenuto a Castelnuovo Don Bosco, sul tratto di rettilineo dopo il centro commerciale Magnone. Un trattore che stava viaggiando verso il Colle ha svoltato a sinistra scontrandosi con una moto di grossa cilindrata condotta da un 48enne di Pino Torinese che trasportava il figlio di 9 anni. Feriti i due passeggeri della moto, trasportati in eliambulanza al Cto di Torino e all'ospedale infantile Regina Margherita. Ferita anche un'imprenditrice agricola di Cantarana: la donna aveva accostato il trattore in strada per dare precedenza ad un'auto, quando le gomme del trattore hanno perso aderenza sul ciglio erboso e il mezzo si è ribaltato lungo la riva.

Pedone investito da un'auto in corso Einaudi: un 60enne si trovava a piedi nei pressi della rotatoria di fronte all'area della stazione ferroviaria e una signora alla guida di un Suv se l'è trovato di fronte, senza poter far nulla per evitare l'impatto. L'uomo è stato sbalzato a terra, picchiando la testa sull'asfalto, ed è stato soccorso all'ospedale di Asti. Investite da un'auto mentre attraversavano sulle strisce pedonali in via Musso una nonna e la sua nipotina. L'uomo alla guida dell'auto si è subito fermato a prestare soccorso. Ferita la signora. Uscita di strada di una Toyota lungo la statale nel tratto tra Quarto e Castello di Annone. Il 50enne alla guida dell'auto è stato trasportato all'ospedale cittadino. Ed è andato in fiamme sulla tangenziale di Isola, a causa probabilmente di un guasto dovuto all'eccessivo carico, un furgone che era stato rubato a San Damiano ed usato per un furto di pellet, utensili e i 9 mila euro contenuti in una cassaforte di una ditta di Motta di Costigliole. Gli occupanti, quando il veicolo ha preso fuoco, lo hanno abbandonato e sono fuggiti.

Sempre ad Isola a fuoco un camion carico di scarpe che si trovava posteggiato in un parcheggio di corso Volpini. Un incendio di origine dolosa. Nella "mappa della cronaca" del mese di giugno ricompaiono anche le "spaccate" a negozi in città. Impiegando un'auto come "ariete", lanciata in retromarcia contro la vetrina, per farsi strada, in piena notte, i ladri hanno saccheggiato il negozio di abbigliamento "Imagine" della centrale via Cavour. Vetrina infranta anche al negozio di abbigliamento per bambini di via Massimo d'Azeglio, ma i banditi sono fuggiti a mani vuote. Hanno dovuto desistere dai loro propositi anche i ladri che hanno sfondato a colpi di mazza la vetrina del Market Punto Sma di corso Alba, angolo via Terracini, messi in fuga dall'allarme e dall'arrivo delle pattuglie.

Furto sventato alla ditta "Costruzioni infissi" della zona industriale di via Maggiora. Mentre sono stati rubati calzature antinfortunistiche e materiale edile alla ditta di laterizi "Fava & Scarzella" di corso Savona. Il denaro delle slot machine e cambiamonete nel mirino dei ladri che hanno fatto visita all'Old River di piazza Astesano e al bar "San Remo" di Monastero Bormida. Sempre in azione anche i truffatori, che hanno colpito varie volte fingedosi all'occorrenza finti operai dell'acquedotto o finti addetti del gas, ma anche falsi carabinieri.

Marta Martiner Testa

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo