Eccellenze canellesi in tv
Cronaca

Eccellenze canellesi in tv

Va in onda sabato 28 dicembre, dalle 10 alle 11, la puntata di "Linea Verde Orizzonti" girata a Canelli e in Valle Belbo. Le telecamere del programma sono entrate nelle cantine storiche per

Va in onda sabato 28 dicembre, dalle 10 alle 11, la puntata di "Linea Verde Orizzonti" girata a Canelli e in Valle Belbo. Le telecamere del programma sono entrate nelle cantine storiche per scovare in segreti dello spumante, scandagliato le colline e i paesaggi del vino candidati a Patrimonio dell'Umanità, le eccellenze gastronomiche del territorio. Con il regista Claudio Giusti e i conduttori Federico Quaranta e Chiara Giallonardo obiettivi puntati nelle viscere della collina di Villanuova e sotto il livello della strada nei chilometri di "gallerie" dove riposano gli spumanti metodo classico: si parlerà della lavorazione dello spumante, delle cantine che, da strutture di lavoro, sono divenuti luoghi d'arte e di affascinante attrattiva per migliaia di visitatori.

L'occhio della telecamera ha passato in rassegna le colline tra Santa Libera e Sant'Antonio, cuore del Moscato, la Sternia, il Castello Gancia per fermarsi alla pasticceria Bosca con una ricetta tradizionale del Natale. Visitate, anche, un'azienda produttrice del cardo gobbo di Nizza e il mulino Marino di Cossano. Guide e ciceroni d'eccezione l'attore Andrea Bosca e l'architetto Gianmarco Cavagnino. Il Moscato d'Asti docg, declinato nel prestigioso cru "Canelli", ha conquistato un posto di prestigio a "La prova del cuoco", il programma quotidiano di mezzogiorno di Rai Uno dedicato alla cucina condotto da Antonella Clerici. In chiusura di un servizio incentrato sul menù natalizio, il sommelier Paolo Lauciani ha abbinato al dolce il Moscato d'Asti "Canelli", indicandolo come il vino più adatto per quel dessert.

Non è la prima volta che il Moscato "Canelli" approda nella striscia di Antonella Clerici. Commenta Piercarlo Merlino, delegato all'agricoltura e presidente del Consiglio comunale oltre che produttore aderente all'associazione Produttori Moscato di Canelli: «E' positivo che il nostro prodotto principe, di altissima qualità, venga riconosciuto come il vino più adatto per i dolci e le festività. Una soddisfazione e un incentivo per i produttori a continuare sulla strada intrapresa».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale