Il generale di corpo d'armata Giulianiin visita al Comando provinciale di Asti
Cronaca

Il generale di corpo d'armata Giuliani
in visita al Comando provinciale di Asti

Nel pomeriggio di mercoledì il Generale di corpo d'armata Vincenzo Giuliani, comandante interregionale carabinieri "Pastrengo", ha visitato il Comando provinciale di Asti. A riceverlo

Nel pomeriggio di mercoledì il Generale di corpo d'armata Vincenzo Giuliani, comandante interregionale carabinieri "Pastrengo", ha visitato il Comando provinciale di Asti. A riceverlo il comandante provinciale ten. col. Fabio Federici, accompagnato dagli ufficiali a capo della compagnie di Asti, Villanova d'Asti e Canelli e di tutte le 25 stazioni dislocate sul territorio astigiano.

Il generale Giuliani ha voluto fare un punto sui risultati operativi ottenuti, analizzando anche lo stato dell'ordine e della sicurezza pubblica nella provincia astigiana. Durante l'incontro con i militari, ha posto l'attenzione su «l'importanza che l'Arma dei Carabinieri sta avendo, soprattutto in questo particolare e delicato contesto sociale, grazie alla costante e capillare presenza sul territorio, storica prerogativa dei carabinieri. L'Arma deve però essere anche supportata da un energico e costante meccanismo di collaborazione con le altre forze di polizia, allo scopo di poter rispondere, a fattor comune e più compiutamente possibile, alla domanda di sicurezza proveniente dalla cittadinanza».

Giuliani si è anche complimentato con i carabinieri di Asti per i positivi successi operativi raggiunti, grazie al costante impegno che le donne e gli uomini dell'Arma mettono giornalmente sul campo. L'alto ufficiale ha infine incontrato, alla curia vescovile, il vescovo di Asti, mons. Francesco Ravinale, mentre presso la sede del Comando provinciale di Asti ha incontrato per i saluti ed un sobrio brindisi augurale per le festività natalizie il vice prefetto vicario Paolo Ponta, il sindaco di Asti Fabrizio Brignolo, il questore locale Filippo Claudio Di Francesco, il commissario straordinario della provincia Alberto Ardia e altre autorità militari e civili locali.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo