06122022_093637_IMG2
Cronaca
Guardia di Finanza

Finte assunzioni per stagionali stranieri: anche Asti coinvolta nell’operazione Terra Promessa

Sette arresti della Guardia di Finanza di Torino. Anche nella nostra provincia presentate finte documentazioni per ottenere permessi di soggiorno e ricongiungimenti familiari

L’hanno chiamata Terra Promessa l’operazione che la Guardia di Finanza di Torino ha portato a termine con l’arresto di sette persone per il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

I finanzieri hanno avviato le indagini due anni fa su un gruppo di persone (egiziani, rumeni, bengalesi e italiani) che per almeno un decennio avevano creato ad arte documenti per consentire il rinnovo del permesso di soggiorno a centinaia di stranieri.

In particolare, attraverso una serie di imprese e società fittizie ed inattive, attivavano rapporti di lavoro simulati e producevano dichiarazioni di disponibilità ad assumere oltre a stipulare finti contratti di affitto. Tutto ciò consentiva rilasci e rinnovi di permessi di soggiorno a stranieri che in realtà non avevano alcuna prospettiva nè di lavoro, nè di abitazione. Non solo, grazie alle false società, riuscivano ad ottenere agevolazioni e prestazioni economiche, di varia natura, erogate da Inps e Agenzia delle Entrate alle quali venivano forniti i nominativi degli stranieri. Si tratta di redditi di cittadinanza, indennità di maternità, bonus baby sitter, bonus fiscali, bonus e sostegni al reddito in relazione al Covid, Naspi e rimborsi Irpef.

Al termine delle indagini piuttosto complesse, è emerso che gli arrestati avrebbero avuto la gestione diretta di due CAF di Torino con uffici operativi che costituivano veri e propri punti di riferimento dell’attività illecita, molto conosciuti dalle comunità straniere che vi si rivolgevano.

Ad ogni straniero che attivava una “pratica” presso i Caf gestiti dagli arrestati, venivano chiesti mille euro giustificati come “tasse” e li convincevano a versarli di fronte alla prospettiva di ritornare di quella cifra attraverso l’incasso di una serie di contributi e sostegni dello Stato italiano.

L’altro filone era quello della gestione di numerose società fantasma che fornivano finte posizioni lavorative di braccianti agricoli e collaboratori familiari per ottenere il permesso di soggiorno ma anche per numerosi ricongiungimenti familiari.

Assunzioni fittizie che avrebbero generato debiti nei confronti dell’Inps per un totale di 350 mila euro mentre a mezzo milione di euro ammonta il totale di flussi di denaro che gli arrestati hanno esportato all’estero.

Sull’area di Asti è stata rilevata l’avvenuta presentazione di domande per il rilascio di permessi di soggiorno per lavoratori stagionali, lavoratori dipendenti o per il ricongiungimento familiare fatta proprio dai CAF di Torino in mano agli arrestati.
Nello specifico, è stato riscontrato che, mediante le domande presentate, tra le altre, nella provincia di Asti, presso la locale Prefettura – Sportello Unico per l’immigrazione e la Questura, è stato ottenuto il rilascio di permessi di soggiorno per (finti) lavoratori stagionali o lavoratori dipendenti ovvero per il ricongiungimento familiare.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale