Forzavano il supermercatoma c'erano due poliziotti fuori servizio
Cronaca

Forzavano il supermercato
ma c'erano due poliziotti fuori servizio

Arrestato per due volte, prima dai carabinieri poi dalla polizia, nel giro di appena dieci giorni. Umberto Magnani, 38enne, insieme a Ciro Onofri, 48 anni, è stato arrestato venerdì pomeriggio

Arrestato per due volte, prima dai carabinieri poi dalla polizia, nel giro di appena dieci giorni. Umberto Magnani, 38enne, insieme a Ciro Onofri, 48 anni, è stato arrestato venerdì pomeriggio all’esterno di un supermercato di via Artom. I due uomini, entrambi astigiani, sono stati notati da un agente della polizia ferroviaria che passava in zona in quel momento per raggiungere gli uffici della Polfer. L’ispettore capo Gianluigi Aseglio ha notato i due in atteggiamento sospetto: come è stato raccontato ai giudici, uno di loro armeggiava alla porta d’ingresso, l’altro si guardava intorno. Aseglio ha fermato la sua auto e si è avvicinato, riuscendo a fermare prima uno dei due, poi inseguendo e bloccando l’altro che stava cercando di allontanarsi. Nei pressi del negozio, che era chiuso intorno alle 15 per la pausa pranzo, sono stati sequestrati anche un cacciavite e un grimaldello.

La decisione del giudice, in Tribunale, è stata di una condanna per entrambi gli arrestati dalla Polfer, coordinata dal sostituto commissario Gianni Faita, a 10 mesi con la custodia in carcere.Magnani era stato già arrestato a fine novembre dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Asti per «furto aggravato in flagranza». Con una telefonata al “112” un astigiano aveva segnalato che gli era appena stato rubato un borsone da ginnastica dalla sua auto lasciata posteggiata, dopo che era stato mandato in frantumi un finestrino. Dalla centrale operativa del comando provinciale dei carabinieri, immediata la segnalazione via radio alle pattuglie in servizio per le strade della città. Pochi minuti dopo i militari del Radiomobile, arrivando sul luogo del furto, avevano fermato Magnani e la borsa era stata restituita al suo proprietario.

Marta Martiner Testa

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale