Furti, spaccate e bancomatEcco un mese di crimine astigiano
Cronaca

Furti, spaccate e bancomat
Ecco un mese di crimine astigiano

Pacchi di sigarette per 4mila euro, barre di ferro, caldaie. Nel mese di ottobre i ladri hanno portato via ogni genere di refurtiva, compresa quella più pericolosa: in due casi sono stati rubate armi da fuoco, con tanto di munizioni. Oltre ad abitazioni e imprese, i soliti ignoti si sono dedicati anche a uffici postali e banche. Uno sportello bancomat di Villanova è stato addirittura fatto saltare…

Due rapine ad uffici postali, due attacchi a bancomat di istituti di credito, furti e “spaccate” a bar e negozi. Sono i reati di tipo predatorio che caratterizzano gli eventi criminosi del mese di ottobre nell’Astigiano. I primi giorni del mese si erano aperti con un nuovo tentativo di furto alla gioielleria “Forti” di via Garibaldi, in pieno centro storico. Dopo la “spaccata” di sei mesi fa, questa volta il colpo non è riuscito: i ladri hanno anche in questo secondo caso usato un’auto lanciata come “ariete” contro la porta d’ingresso, ma il vetro antisfondamento ha tenuto e i malviventi si sono poi dati alla fuga a mani vuote.

È riuscito invece il colpo alla caffetteria “Il mattone” di via Brofferio: verso le quattro di notte, con una grossa mazza, alcuni sconosciuti hanno sfondato la parte bassa della vetrata della porta d’ingresso, riuscendo ad introdursi nel locale e a rubare un cambiamonete. “Spaccata” anche all’Autogrill di corso Alessandria, che si trova nei pressi del distributore di carburanti “Ip”. Ignoti hanno mandato in frantumi le vetrate per entrare nel locale, da cui hanno portato via pacchetti di sigarette per un valore di 4 mila euro.

Nuovi furti anche nelle aziende. Presso un’officina meccanica che si trova nella zona di Viatosto ignoti hanno rubato materiale da lavoro (barre in ferro e paletti). In una ditta di termoimpianti della zona industriale di Quarto i ladri si sono portati via materiali per un valore di 50 mila euro: caldaie, pannelli solari, serpentine, cavi in rame. Il rame continua ad essere uno degli obiettivi dei ladri: in un cantiere delle case popolari dell’Atc in fase di ultimazione nella zona di viale Pilone sono state sottratte grondaie e tubature in rame per un bottino da alcune migliaia di euro; nei locali dell’ex supermercato di via Sant’Evasio, nella zona della parrocchia di San Domenico Savio, struttura da tempo inutilizzata, sono stati rubati cavi in rame.

Rubato il registratore di cassa in un bar di viale alla Vittoria; e parecchi pacchi di sigarette elettroniche in un negozio specializzato di corso Alessandria. Prese di mira anche abitazioni: intrusioni in edifici di corso Alessandria, frazione Castiglione, via Lorenzi, nella zona nord della città, Valle Benedetta (dove hanno smurato e portato via la cassaforte contenente oggetti preziosi per un valore di circa 10 mila euro), Pontesuero (rubati due fucili e una pistola di marca “Glock”); in un’abitazione di via Lamarmora ignoti si sono portati via la cassaforte in cui era contenuta una pistola Glock con 50 cartucce. Tentativo di furto all’edicola di via Salvo D’Acquisto; rubato denaro per una somma poco consistente nella sede di un gommista della zona industriale.

Nel mese di ottobre sono state due le rapine messe a segno nei confronti delle Poste, con modalità diverse tra loro. Potrebbe essere il “solito” bandito solitario l’uomo che, con il volto coperto da un passamontagna e una pistola in pugno, ha atteso, prima dell’orario di apertura, l’arrivo dell’impiegata dell’ufficio postale di Cellarengo. Sotto la minaccia dell’arma, si è introdotto con la donna nei locali e si è fatto aprire la cassaforte, impossessandosi di 14 mila 500 euro. E’ stato invece arrestato nel giro di poche ore il rapinatore della Posta di Isola, un 55enne di Agliano che si era fatto consegnare circa 200 euro che si trovavano in cassa.

Ingente il bottino portato via dalla “banda dei bancomat” che ha colpito all’Unicredit di Villanova: durante la notte i ladri hanno fatto saltare il bancomat rubando ben 65 mila euro. non è riuscito invece il tentativo di furto alla filiale della Banca d’Alba di corso Ivrea, accanto all’Esselunga. Tra i furti avvenuti anche borseggi e uno scippo per strada, di cui è stata vittima una donna di 52 anni nella zona di via Conte Verde: un ragazzo di una ventina d’anni le ha strappato la collana che portava. Lavoro anche per i vigili del fuoco: tra gli interventi, anche ripetuti incendi di rotoballe a Villanova.

Disagi alla circolazione in autostrada per un camion uscito fuori strada nel tratto all’altezza di Baldichieri. Qualche notte prima un camion frigo che trasportava alimenti si era incendiato nel tratto tra Asti Est e Asti Ovest.

Marta Martiner Testa

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail