curva
Cronaca
Villafranca d’Asti

L’automobilista morto nell’incidente a Dusino lascia tre figli piccoli

Abitava a Villafranca d’Asti e aveva da poco acquistato una casa. Avviata una raccolta fondi per sostenere le prime spese

Grande dolore a Villafranca d’Asti per il lutto che ha colpito la famiglia di Klodyan Tatani. Questo, infatti, il  nome dell’automobilista, 38 anni,  di origini albanesi che lunedì scorso ha perso la vita sulla salita fra Villafranca e Dusino San Michele mentre viaggiava a bordo della sua Panda. In senso contrario viaggiava invece una Ford Fusion il cui conducente ha perso il controllo della guida piombando sulla Panda; un urto violentissimo che è costato la vita al padre di famiglia.

L’incidente è avvenuto poco prima della famigerata curva della Migliarina, che tanti schianti mortali ha registrato negli anni. Ma anche questa curva qui, l’ultima prima della Migliarina, arrivando da Villafranca, più o meno all’altezza della casa cantoniera, non è “facile”. Sono tanti gli automobilisti finiti fuori strada a causa della sua traiettoria: non troppo chiusa che induce ad affrontarla ad alta velocità e a “chiuderla” al centro. Lunedì, inoltre, al momento dell’incidente, ovvero nel pomeriggio, il fondo stradale era anche bagnato e scivoloso.

E’ la stessa curva nella quale, nell’aprile del 2017, avvenne l’eroico salvataggio di un camionista che si era sentito male alla guida del suo Tir da parte di un carabiniere di pattuglia.

Chi fosse Klodyan Tatani lo si legge da un posto del gruppo “Sei un vero “villans” di Villafranca d’Asti se…”: «Un lavoratore instancabile molto apprezzato dai suoi datori di lavoro che, nei momenti liberi stava ristrutturando la storica casa di via Sant’Elena, acquistata di recente, che appartenne in passato al fotografo Scoffone. Lascia, distrutti dal dolore, la sua cara moglie Mejte e i figlioletti Alex, Meidjan e Manuel rispettivamente di 14, 8 e 4 anni.»

Una famiglia amata e molto stimata che ha raccolto l’affetto e il sostegno dell’intera comunità villafranchese tanto che è stata avviata una raccolta fondi per far fronte alle prime necessità. Chi volesse contribuire lo può fare rivolgendosi al negozio Cavalla Abbigliamento.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail