Cinghiali in vigneto
Cronaca
Prefettura

L’emergenza cinghiali arriva sul tavolo del Prefetto di Asti

Ricevuti i rappresentanti delle associazioni agricole che lamentano i gravissimi danni ai seminativi, il dottor Terribile ha promesso un coordinamento per azioni efficaci

La straordinaria (in senso negativo) ondata di attacchi di cinghiali ai raccolti seminati (e riseminati) nelle scorse settimane dai coltivatori di cereali, soprattutto nel Nord Astigiano e sulla Piana Villanovese, è stata oggetto di un incontro urgente con il Prefetto di Asti, Alfondo Terribile richiesto dalla Coldiretti e da Confagricoltura.

Il direttore Diego Furia e i vicepresidenti Andrea Rabino e Gianfranco Torelli per Coldiretti, il vicedirettore Roberto Bocchino, il responsabile tecnico Enrico Masenga e l’addetto stampa Marco Cerruti per Confagricoltura hanno chiesto tutti al Prefetto di farsi portavoce della situazione esasperata che si sta vivendo nei campi dove gran parte del raccolto di quest’anno è stato ormai irrimediabilmente compromesso.

Perchè, come hanno spiegato gli agricoltori anche nel nostro servizio di qualche giorno fa, il tempo della semina ormai è terminato e non è più possibile recuperare considerando che i cinghiali devastano di notte quanto seminato di giorno, senza dare tregua.

E’ stata portata all’attenzione del Prefetto proprio la proliferazione incontrollata di questi animali selvatici che si sono spinti in territori fino all’anno scorso inesplorati, forse spinti dalla fame e dal sovraffollamento.

Le associazioni di categoria hanno fatto un appello alla massima autorità dello Stato sul territorio affinchè sia data una risposta adeguata a questo problema che sta assumento i contorni di una minaccia ambientale in grado di minare gli ecosistemi territoriali.

Un appello che il dottor Terribile ha raccolto assicurando il proprio interessamento nell’approfondimento di questa delicata emergenza che coinvolge numerosi soggetti e annunciando l’avvio di un coordinamento fra tutte le parti per individuare le azioni più efficaci per risolvere questo problema.

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail