Generica_Guardia_di_Finanza
Cronaca
Guardia di finanza

Operazione “Cavallo di Troia”: il commercialista indagato è iscritto all’Ordine di Asti

Non Gestiva i conti di due società di costruzioni fallite dopo l’evasione IVA e le “distrazioni” a favore di personaggi legati alla ‘Ndrangheta piemontese

Si chiama Luca Baldanzi, ha 58 anni ed è iscritto all’Albo dei Dottori Commercialisti di Asti il professionista contabile  coinvolto nell’operazione Cavallo di Troia che ieri mattina ha portato a diversi arresti da parte della Guardia di Finanza di Torino.

Studio a Poirino per il commercialista considerato la mente contabile di una serie di reati finanziari che hanno portato al dissesto di due società di costruzioni, la CDM Costruzioni srl con sede a Torino e la CVNA srls di Poirino. È accusato di aver fornito gli strumenti contabili per evasioni IVA milionarie e per distrazioni di denaro dalle casse delle società altrettante milionarie. Il tutto provocando i fallimenti delle società.
Al commercialista sono imputate condotte che hanno portato a “danni di rilevante gravità “.
L’operazione ruota intorno alle relazioni fra le famiglie ‘ndranghetiste Bonavota e Arone, quest’ultima sotto processo ad Asti nel processo Carminius anche se al commercialista non sono imputati reati legati all’associazione mafiosa.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo