La Nuova Provincia > Cronaca > Operazione Digger: i carabinieri recuperano un altro escavatore e un semirimorchio
CronacaCanelli e sud -

Operazione Digger: i carabinieri recuperano un altro escavatore e un semirimorchio

In un capannone abbandonato nel Piacentino. Per il giro del mercato clandestino dei mezzi d'opera rubati sono in carcere da novembre tre persone

Seconda “puntata”

I carabinieri della Compagnia di Canelli (nella foto il comandante, capitano Alessandro Caprio), proseguendo le indagini nell’ambito dell’operazione Digger, hanno rintracciato e restituito altri due mezzi d’opera rubati a settembre a Rottofreno e a Gragnano Trebbiense, nel Piacentino. Si tratta di un escavatore Caterpillar e un semirimorchio del valore di circa 200 mila euro già restituiti ai legittimi proprietari, due titolari di cantieri edili nel Milanese e a Piacenza.

I due mezzi erano nascosti in un capannone abbandonato vicinio a Piacenza, pronti per essere venduti.

Arrestate tre persone

Di essere gli autori del furto sono accusati due italiani di Racconigi e Costigliole d’Asti e un albanese residente ad Alessandria che erano già stati arrestati a novembre e che ancora attualmente detenuti. A loro carico le accuse di fruto, ricettazione e riciclaggio di macchine da cantiere di ingente valore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente