tribunale di asti
Cronaca
Sentenza

Piovà Massaia, confessò di aver soffocato la madre: assolto

Fra 90 giorni si conosceranno le ragioni di tale decisione

Una insperatissima assoluzione è stata dettata ieri dal gip Belli a conclusione del processo in rito abbreviato a carico di Gianni Ghiotti, 53 anni, operaio di Piovà Massaia che nel settembre del 2020 aveva confessato di aver soffocato nel sonno, tre anni prima,  la madre gravemente malata.

Una vicenda dai contorni decisamente insoliti, che aveva portato Ghiotti agli arresti domiciliari dal momento della confessione, con possibilità di recarsi al lavoro e di provvedere a sè stesso, vivendo da solo.

Alla requisitoria, il pm Fiz che aveva seguito l’indagine fin dall’inizio, aveva chiesto una pena a 7 anni e mezzo. Il suo difensore, l’avvocato Dapino aveva chiesto l’assoluzione in prima istanza salvo poi argomentare a lungo la sua richiesta in subordine, ovvero quella di riconoscere non un matricidio, ma un “omicidio del consenziente”, che può tradursi impropriamente in quell’eutanasia che il codice penale non prevede espressamente in Italia.

Una richiesta che era arrivata dopo aver analizzato puntualmente sia gli interrogatori di Ghiotti, che fin dal primo momento sono sempre andati in un’unica direzione e non hanno mai avuto momenti di contraddittorietà, sia una cugina che aveva seguito da vicino il lungo calvario di malattia della zia.

La madre di Ghiotti, dopo una vita di lavoro in campagna, aveva avuto una vecchiaia segnata da una malattia molto invalidante, l’osteoporosi, che le aveva provocato numerose fratture e una situazione di invalidità che a lei pesava tantissimo.

Il figlio ha posto fine alla sua vita al termine di una lunga e soffertissima notte, la prima a casa dopo uno degli ennesimi e lunghi ricoveri in ospedale per fratture che non volevano mai rimarginarsi. In quella notte, appena rientrata, un grido lancinante che denotava un’altra frattura ancora e dunque la prospettiva di un altro ricovero e di altro dolore.

Troppo per quella donna abituata ad essere il perno su cui ha ruotato una vita la famiglia e troppo anche per il figlio che si occupava in via esclusiva dell’anziana e sofferente madre che era era rimasta vedova da diversi anni.

E’ stato lui a raccontare che più volte la madre aveva implorato la morte così quella notte l’ha imbottita di tranquillanti ed antidolorifici e l’ha soffocata con un cuscino. Una morte che non ha destato alcun sospetto nel medico legale chiamato per constatarne il decesso, vista la storia “clinica” della donna.

Un segreto tenuto dentro per tre anni, compreso il lungo periodo di isolamento da pandemia, che nel settembre del 2020 è sfociato in una confessione che Ghiotti ha fatto ai carabinieri di Montechiaro che l’avevano convocato per un fatto di atti vandalici di cui era sospettato.

Venne decisa la riesumazione della salma della donna seppellita al cimitero di Berzano e gli esami avrebbero confermato una serie di circostanze riferite dall’imputato.

Ghiotti, presente accanto al suo avvocato alla lettura della sentenza, è tornato libero.

Grande curiosità, ora, per le motivazioni che sono alla base della sentenza. Saranno depositate fra 90 giorni.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail