Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/riaperta-la-sala-dattesabral-piano-terra-del-movicentro-56e68960af7fa1-nkikjriofg25q3ep6ebrf29s1tsd6m3zrz7odmkt54.jpg" title="Riaperta la sala d’attesa
al piano terra del Movicentro" alt="Riaperta la sala d’attesaal piano terra del Movicentro" loading="lazy" />
Cronaca

Riaperta la sala d’attesa
al piano terra del Movicentro

Il consigliere del Partito Democratico delegato alla Sicurezza e al Decoro Urbano, Andrea Visconti, l'aveva promesso a metà giugno, accettando l'incarico da parte del sindaco. «Al Movicentro

Il consigliere del Partito Democratico delegato alla Sicurezza e al Decoro Urbano, Andrea Visconti, l'aveva promesso a metà giugno, accettando l'incarico da parte del sindaco. «Al Movicentro mi darò tempo fino al 15 settembre per rimettere in funzione la sala d'attesa». Un impegno che Visconti è riuscito a mantenere e che, da lunedì mattina, ha riportato la sala d'attesa ad essere interamente funzionante. La saletta, collocata al piano terra della struttura di piazza Medaglie d'Oro e a ridosso del bar, è rimasta chiusa a lungo perché era diventata ricettacolo di drogati e altri malintenzionati.

Di proprietà del Comune, gestita dall'Asp e usata dagli utenti del trasporto extraurbano (di cui è competente il consorzio Coas), la chiusura della sala d'attesa sembrava un problema irrisolvibile perché nessuno dei soggetti coinvolti poteva permettersi di pagare un custode diurno. Alla fine il consigliere Visconti, insieme al sindaco Brignolo, all'assessore ai Trasporti, al funzionario dell'Asp e al segretario generale del Comune, ha trovato l'accordo per riaprirla prima dell'autunno, quando gli anziani sarebbero stati costretti ad attendere le corriere sotto le pensiline o per strada.

Non toccherà ai titolari del bar gestire la saletta (come invece era stato ipotizzato in un primo momento) ma verrà aperta da lunedì a sabato, dalle 7 alle 19, senza la presenza stabile di un custode. Qualora venissero segnalati soggetti potenzialmente pericolosi toccherà alle forze dell'ordine intervenire con tempestività per evitare che la saletta torni ad essere, ancora una volta, una zona off limits.

r.s.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Edizione digitale