Scippi, assalti notturni e furtiScia di crimini nell’Astigiano
Cronaca

Scippi, assalti notturni e furti
Scia di crimini nell’Astigiano

Un’altra donna scippata per le vie della città. Dopo l’episodio della scorsa settimana in piazza Campo del Palio, in cui ad una signora un ragazzino ha strappato la borsa, per poi abbandonarla

Un’altra donna scippata per le vie della città. Dopo l’episodio della scorsa settimana in piazza Campo del Palio, in cui ad una signora un ragazzino ha strappato la borsa, per poi abbandonarla quando si è visto inseguito da un passante e successivamente bloccato da due agenti della Polfer, un nuovo scippo è avvenuto un paio di giorni fa. E’ accaduto in corso Volta. Una pensionata stava camminando lungo la strada, quando un uomo le si è avvicinato di corsa e le ha strappato la borsetta che portava al braccio. Si è rapidamente dileguato, senza che nessuno potesse avere il tempo di intervenire. Per fortuna, a parte il danno economico del furto e la sgradevole esperienza, la donna non è caduta a terra e non avrebbe così riportato ferite.

Dallo scippo in strada all’assalto notturno alla sala bowling “Red & black” di corso Torino. Sono le 2,30 della notte di martedì quando quattro banditi forzano a picconate una porta della struttura e fanno irruzione. Dentro però c’erano ancora quattro dipendenti, che, dopo la chiusura, stavano sistemando il locale. Sono attimi di terrore, quando si vedono davanti quegli individui incappucciati, vestiti di nero e armati. Riescono a fuggire e a nascondersi all’esterno. Intanto i malviventi puntano alla cassa: la staccano in pochi istanti e se la portano via. Quando la apriranno, una volta lontani, l’amara sorpresa: quella cassa era vuota, l’incasso era già stato posto al sicuro. Da mettere in conto, al “Red & black”, ci sono i danni provocati dall’effrazione e dal furto; ma almeno il sospiro di sollievo per i quattro dipendenti che non hanno riportato conseguenze nell’incursione dei ladri.

Sfiora invece i 20 mila euro il valore della merce che i ladri si sono portati via lunedì notte dal negozio di ottica “Ca’ d’la vista” in frazione Gallareto a Piovà Massaia. Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, almeno due persone (a cui aggiungere almeno uno o più complici che controllavano il traffico in strada) hanno forzato la porta di ingresso dal retro della palazzina che ospita il negozio e si sono introdotti nell’area di vendita. Hanno portato via praticamente tutte le montature e il materiale ottico che hanno trovato, vetrine comprese. Tranne una, lasciata intatta perchè probabilmente sono stati “disturbati”. Il colpo è stato scoperto al mattino, dal titolare del negozio alla riapertura. Vista la precisione e la sicurezza con le quali è stato portato a segno il colpo, tutto fa pensare ad un’azione bene pianificata, decisa dopo aver seguito a lungo i movimenti e le presenze del titolare in negozio e nell’alloggio soprastante. Un mese fa, probabilmente gli stessi ladri, avevano già tentato di entrare nel negozio, ma erano stati fermati dalla presenza del titolare. Nella stessa popolosa e produttiva frazione di Gallareto, nell’ultimo mese e mezzo sono diversi i colpi registrati: ad una piccola azienda sono stati rubati 1500 litri di carburante in deposito per i mezzi d’opera mentre da un cortile di casa è stata rubata una piccola utilitaria parcheggiata. Razzie anche negli studi professionali e uffici dove sono arrivati a rubare persino macchinette del caffè.

E continuano a costare alcune imprudenze, quali il lasciare la borsa all’interno delle auto in sosta. E’ accaduto ad una signora che mercoledì, alle 16, aveva posteggiato la vettura di fronte all’asilo nido “Colibrì”: un colpo al finestrino che va in frantumi e la borsa che viene rubata. La proprietaria lancia un appello a chi nelle zone di corso Alba e Santo Spirito trovasse un bauletto a motivi colorati su sfondo nero, con all’interno un portafoglio nero, chiedendo nel caso di mettersi in contatto con le forze dell’ordine.

m.m.t., d.p.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo