La Nuova Provincia > Cronaca > Sgomento per la morte dell’uomo colpito da un ramo
CronacaMoncalvo e Nord -

Sgomento per la morte dell’uomo colpito da un ramo

Viveva a Capriglio, sua figlia è consigliere comunale di minoranza. Molto conosciuto anche a Buttigliera d'Asti dove vive la sua numerosa famiglia di origine

L’incidente stamattina nel bosco

Grande sgomento nel piccolo paese di Capriglio e a Buttigliera d’Asti al diffondersi della notizia della morte di Ezio Maina, 54 anni, l’operaio deceduto  questa mattina a causa di un ramo secco che lo ha colpito al capo mentre stava aiutando ad abbattere alcuni alberi in un bosco nella valle caprigliese di proprietà di una loro anziana parente.

La figlia è consigliere comunale

Ezio lascia la moglie e la figlia Daria, 24 anni, consigliere comunale di minoranza di Capriglio, paese dove la famiglia viveva da molti anni e dove era molto apprezzata e stimata.

Famiglia molto conosciuta

Ma anche a Buttigliera era molto conosciuto; la famiglia Maina, infatti, è nota per le sue  attività agricole e di contoterzisti sia al servizio di privati che dei Comuni della zona per i vari lavori di sgombero neve e manutenzione con mezzi specifici. Una famiglia che ha già pagato un carissimo tributo di vite a infortuni sul lavoro e incidenti.

Attesa per il nullaosta

L’attesa ora è per il nullaosta che deve arrivare dalla Procura per organizzare il funerale; il magistrato potrebbe anche decidere di far eseguire l’autopsia e, in questo caso, i tempi di allungherebbero, vista anche la concomitanza con le festività di fine anno. I rilievi sono stati effettuati dai carabinieri della Compagnia di Villanova i quali hanno anche sentito a verbale, in qualità di testimoni, lo zio e gli altri parenti che si trovavano con Ezio al lavoro nel bosco ai confini con il maneggio del vicino laghetto. Sono stati proprio loro a tentare di soccorrere l’uomo e a chiedere immediatamente l’intervento dell’eliambulanza atterrata vicino al luogo dell’infortunio. Purtroppo, all’arrivo dell’équipe medica, l’uomo era già deceduto e i tentativi di rianimarlo non sono andati a buon fine.

Grande la disperazione dello zio che non riusciva a capacitarsi di come una banalità come la caduta di un ramo (anche di piccole dimensioni) abbia potuto provocare una tragedia famigliare di questa portata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente