Sorpresi a casa nel sonno e il furto diventa rapina
Cronaca

Sorpresi a casa nel sonno e il furto diventa rapina

Due rapine in villa nel giro di un paio di giorni. Torna l’incubo delle intrusioni notturne da parte dei ladri, che sorprendono nel sonno gli inquilini, costringendoli a consegnare denaro e gioielli. L’altra notte è accaduto in una villetta di Castello di Annone, la sera prima a casa di una pensionata di 75 anni che vive in località Rilate, alle porte della città

Due rapine in villa nel giro di un paio di giorni alle porte di Asti. Episodi analoghi a quanto era già avvenuto esattamente un mese fa in un’abitazione del Palucco, dove un giovane di 23 anni era stato sorpreso nel sonno da quattro banditi. Nella notte di giovedì, intorno all’una, quattro uomini, a volto scoperto e che pare parlassero con l’accento dei Paesi dell’Est, hanno fatto irruzione in una villetta di Castello di Annone in cui risiede una coppia, 65 anni lui e 55 lei. I ladri forse non si aspettavano di trovare qualcuno in casa, hanno invece sorpreso i coniugi nel sonno: i quattro, impugnando un cacciavite, hanno minacciato i padroni di casa, obbligandoli a consegnare quanto possedevano di valore. Sono riusciti così a mettere le mani su 500 euro in contanti e alcuni gioielli. Poi la fuga, a piedi, ma si pensa che un’auto, con un complice a bordo, li attendesse a poca distanza dal luogo della rapina.

Nella notte di mercoledì pressoché lo stesso copione era stato messo in scena in un’abitazione di località Rilate, in cui vive un’anziana di 75 anni. Anche in quel caso, attimi di terrore: tre uomini, con accento straniero, hanno rotto una finestra e si sono introdotti in casa. La pensionata si sarebbe svegliata, trovandosi di fronte i tre banditi, che avevano il volto coperto da sciarpe e berretti. Avrebbero cercato di zittirla, intimandole di consegnare loro gli oggetti di valore che custodiva in casa. Si sono così impossessati di denaro contante e qualche monile d’oro. Ad un certo punto, forse proprio a causa dello spavento, la donna ha accusato un lieve mancamento e i rapinatori si sono rapidamente dati alla fuga. La signora, scappati i banditi, è riuscita a dare l’allarme, facendo intervenire la polizia. Sul posto gli agenti delle Volanti, ma anche Squadra mobile e Scientifica.
Indagano invece i carabinieri sulla rapina avvenuta ad Annone.

Ad agire potrebbe essere stata la stessa banda. Ma con modalità simili avevano colpito i rapinatori, qualche settimana fa, in una villetta di Valmanera e in un’abitazione di Revigliasco. Nel primo caso sotto minaccia si era trovata una famiglia con due bambini piccoli; nel secondo un’anziana donna.

Marta Martiner Testa

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo