La Nuova Provincia > Cronaca > Torello, colletto bianco
del boss n'dranghetista
Cronaca Asti Nizza Monferrato -

Torello, colletto bianco
del boss n'dranghetista

"Io risolvo problemi", si presentava Guido Torello. Faccendiere con precedenti per truffa, è diventato il consulente di un importante boss della mafia calabrese. E’ lui, originario di Nizza Monferrato, l'uomo di cui si è parlato sui media di tutta Italia e oltre. In una intercettazione diceva che avrebbe "sparato in bocca" al giornalista che aveva fatto emergere gli interessi della n'drangheta in Romagna…

E’ stato sicuramente un salto di qualità quello che ha fatto Guido Torello: dal suo passato di “faccendiere” con precedenti di truffe a quello di “colletto bianco” di Nicola Femia, conosciuto come “Rocco” importante boss n’dranghetista. Il nome di Torello, originario di Nizza, anagraficamente residente a Isola ma di fatto domiciliato ad Asti, ha fatto il giro di tutti i giornali e le testate on line d’Italia e d’Europa per aver minacciato di “sparare in bocca” ad un giornalista che ha fatto emergere gli interessi della n’drangheta calabrese in territorio romagnolo. Una frase intercettata che ha immediatamente messo in allarme i finanzieri del Gico di Bologna sotto la direzione della Dda competente per territorio.

Il giornalista è stato messo sotto scorta e gli investigatori hanno proseguito le loro indagini fino ad arrivare ad una vasta operazione che ha portato ad una trentina di arresti e numerose perquisizioni in diverse regioni oltre al sequestro di beni per oltre 90 milioni di euro. Si trattava di un’associazione a delinquere capeggiata da Femia che lucrava sul gioco d’azzardo on line illegale e sulla produzione e commercializzazione di videoslot con schede gioco modificate per nascondere i reali volumi di gioco. Tutto condito da estorsioni, un sequestro di persona e al riciclaggio dei forti profitti illeciti in beni mobili ed immobili. In questa organizzazione, Torello, conosciuto con il soprannome di “Torellino”, 54 anni, secondo i vertici del Gico ricopriva un ruolo di primissima importanza insieme a due commercialisti, anch’essi finiti sotto inchiesta.

Lui, sempre leggendo le intercettazioni e mettendo insieme i tanti elementi dell’indagine, era un “tecnico”, un consulente al quale Femia si rivolgeva spesso prima di prendere le decisioni. «In più di un’occasione -ha raccontato il tenente colonnello Antonio Palma del Gico di Bologna- lui si è presentato dicendo “Io risolvo problemi”». Ed è proprio in virtù di questa sua “statura” all’interno dell’organizzazione e della fiducia che il boss riponeva in lui che quando è stata intercettata la sua minaccia contro il giornalista sono stati presi subito provvedimenti. Metteva in contatto le persone, creava occasioni, sfruttava la sua vasta rete di conoscenze per portare a segno sempre nuovi affari nell’ambito del gioco illegale e poi cambiava pelle e diventava consulente per gli investimenti dei proventi illeciti. Un uomo che era continuamente in viaggio, tanto che il suo arresto è avvenuto a Roma. Alla maxi operazione hanno partecipato anche finanzieri del Comando di Asti.

Daniela Peira

Articolo precedente
Articolo precedente