Tre giovani denunciati dai Carabinieri di S.Stefano per furto aggravato
Cronaca

Tre giovani denunciati dai Carabinieri di S.Stefano per furto aggravato

Nella notte tra mercoledì e giovedì i Carabinieri di Santo Stefano Belbo (Cn) hanno notato una Golf scura con tre giovani sospetti a bordo. Il conducente, alla vista dei militari, ha invertito la

Nella notte tra mercoledì e giovedì i Carabinieri di Santo Stefano Belbo (Cn) hanno notato una Golf scura con tre giovani sospetti a bordo. Il conducente, alla vista dei militari, ha invertito la marcia in direzione Canelli (At) aumentando la velocità. E' partito subito un inseguimento, durato qualche chilometro fino a quando i tre hanno abbandonato l'auto sul ciglio della strada fuggendo nelle campagne circostanti con il favore del buio.

All'interno della vettura i militari hanno rinvenuto alcune taniche di gasolio per un totale di 150 litri rubati da un escavatore ed altri mezzi per movimento terra parcheggiati dinanzi ad un’azienda locale, veniva sottoposta a sequestro. La refurtiva, del valore di oltre 600 euro, è stata restituita poi al titolare della ditta. Sull’auto i Carabinieri hanno inoltre rinvenuto alcuni cacciavite, pinze ed altri arnesi da scasso.

Il mattino seguente il proprietario del veicolo, un 20enne macedone pregiudicato che vive ad Alba (Cn), si è recato in caserma denunciando il furto della sua auto. Le indagini hanno poi consentito di identificare i tre occupanti della Golf. Si tratta dello stesso proprietario, che aveva falsamente denunciato il furto dell’auto per eludere le investigazioni e di due suoi amici ventenni: un altro macedone che abita ad Alba ed un romeno 22enne pregiudicato di Canelli.

I tre sono stati denunciati per concorso in furto aggravato e possesso di arnesi da scasso. Il proprietario del mezzo è stato denunciato anche per simulazione di reato e false attestazioni a Pubblico Ufficiale. Le indagini sul loro conto proseguono per verificare se si siano resi autori di altri furti analoghi perpetrati in Vallebelbo.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Edizione digitale
Precedente
Successivo