La Nuova Provincia > Cronaca > Tribunale Asti-Alba: ricorso contro l'accorpamento
Cronaca Asti -

Tribunale Asti-Alba: ricorso contro l'accorpamento

Torna in forse l’accorpamento dei tribunali di Asti ed Alba. Nei giorni scorsi, infatti, il giudice monocratico del tribunale albese Marco Bottallo avrebbe sospeso i provvedimenti relativi alla

Torna in forse l’accorpamento dei tribunali di Asti ed Alba. Nei giorni scorsi, infatti, il giudice monocratico del tribunale albese Marco Bottallo avrebbe sospeso i provvedimenti relativi alla soppressione del loro palazzo di giustizia in attesa del pronunciamento della Corte Costituzionale.
Sarà infatti il tribunale costituzionale a stabilire la legittimità del decreto che, pubblicato a settembre scorso, prevede che entro settembre di quest’anno il tribunale di Alba e Bra confluiscano in quello astigiano con il trasferimento di fascicoli, processi in corso, magistrati e personale amministrativo.

Proprio i dipendenti avrebbero sollevato il dubbio di costituzionalità: il provvedimento sulla questione di legittimità è stato firmato da 24 addetti ai vari uffici del Tribunale di Alba.
Già sotto Natale c’era stato il tentativo di includere la sospensione dell’accorpamento nel decreto Milleproroghe, ma l’emendamento era stato respinto. Ora questo nuovo tentativo di impedire la fusione che, se la Corte Costituzionale dovesse avallare, avverrà fra otto mesi, visto che quello di Asti è uno dei pochi tribunali in Italia ad essere già predisposto per accogliere il nuovo personale.

Articolo precedente
Articolo precedente