Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/ricariche-alla-postepay-mai-pagatebr4-anni-e-8-mesi-a-una-donna-astigiana-56e68f45d724c1-nkiizpf6u5bjbau3inzr7pj4nk3b4gkaeik70jp288.jpg" title="Ricariche alla Postepay mai pagate
4 anni e 8 mesi a una donna astigiana" alt="Ricariche alla Postepay mai pagate4 anni e 8 mesi a una donna astigiana" loading="lazy" />
Cronaca

Ricariche alla Postepay mai pagate
4 anni e 8 mesi a una donna astigiana

La truffa era semplice ma efficace: in banca e in tabaccheria si faceva ricaricare una carta di debito Postepay con somme da 250 euro. Giunto il momento di pagare, fingeva di aver dimenticato il

La truffa era semplice ma efficace: in banca e in tabaccheria si faceva ricaricare una carta di debito Postepay con somme da 250 euro. Giunto il momento di pagare, fingeva di aver dimenticato il portafogli e assicurava che sarebbe ripassata più tardi con i contanti. Ma Francesca Casali, 34 anni, i suoi conti non li avrebbe mai saldati.

Questa almeno la tesi della Procura della Repubblica di Pavia, che sabato ha ordinato l’arresto della donna, residente ad Asti e già nota alle forze dell’ordine. «Fin da agosto era soggetta a misure di sorveglianza – spiega il comandante dei carabinieri Alberto degli Efetti, da poco rientrato in città dopo una missione all’estero di sette mesi –, si è resa responsabile di un serie di truffe ai danni di istituto di credito e tabaccherie

L’arresto riguarda principalmente reati che sarebbero stati commessi dal 2006 a oggi, per lo più perpetrati nel Novarese, Pavese e nell’hinterland milanese, ai quali si aggiungerebbero altri reati dello stesso tenore commessi nel territorio astigiano. La donna dovrà ora scontare una pena di 4 anni e 8 mesi.

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Edizione digitale