La Nuova Provincia > Cronaca > Vessazioni e maltrattamenti in famiglia: interviene la polizia
CronacaAsti -

Vessazioni e maltrattamenti in famiglia: interviene la polizia

L’uomo, da anni, teneva soggiogata la moglie, percuotendola ed aggredendola anche per futili motivi, spesso in presenza dei figli

Una terribile storia di violenze e soprusi ad Asti

Agenti della squadra mobile della questura di Asti hanno dato esecuzione alla misura personale dell’allontanamento dalla casa familiare con il divieto di avvicinamento, resa dal tribunale di Asti, nei confronti di un marocchino di 55 anni. Come emerso a seguito di scrupolose indagini, che hanno avuto inizio con la denuncia per maltrattamenti della donna, anch’essa marocchina di qualche anno più giovane del marito, quest’ultimo da molti anni la maltrattava in vari modi.

Dall’attività di polizia è emerso uno spaccato di vita familiare fatto di continui soprusi e prepotenze dell’uomo verso la donna: l’uomo da anni teneva soggiogata la moglie, percuotendola ed aggredendola anche per futili motivi, spesso in presenza dei figli, di cui uno minorenne.

La vittima aveva paura a presentare denuncia

I gravi fatti si sono ripetuti con regolarità, in prevalenza tra le mura domestiche, ma la vittima non ha mai presentato denuncia per timore di ritorsioni da parte dell’uomo.

Il marocchino, dopo anni di soprusi, violenze, maltrattamenti fisici e psicologici messi in atto nei confronti della moglie, che ha sempre trattato con disprezzo e spregio, negandole persino il denaro per l’acquisto di medicine o di beni di prima necessità, nelle scorse settimana è stato alla fine denunciato dalla compagna.

L’intervento del tribunale

Stante la gravità dei fatti, il tribunale di Asti ha disposto non solo l’allontanamento dalla casa familiare, ma anche il divieto per l’uomo violento di avvicinarsi all’intero nucleo famigliare e frequentare i luoghi abitualmente frequentati dallo stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente