Incidente-stradale-generica-2
Cronaca
Sentenza

Vigliano d’Asti, per l’incidente al sottopasso assolto il turista spagnolo che tamponò l’auto dell’amico

Il passeggero della Megane riportò ferite molto gravi

Un brutto incidente stradale che a fine luglio del 2017 aveva rovinato la vacanza a quattro giovani turisti spagnoli che, da Barcellona, avevano scelto il sud Astigiano per fare una breve vacanza.

Lo scontro era avvenuto a Vigliano d’Asti, vicino al sottopasso ferroviario.

Gli imputati sono Roger Marti Pujol e Josè Capel Palomares, entrambi 28enni residenti a Barcellona; il primo alla guida di una Renault Megane con l’amico Albert Arenas e l’altro alla guida di una Fiat 124 con un amico a fianco.

Il primo, ad alta velocità, ha affrontato la “chicane” che porta al sottopasso della ferrovia ma non è riuscito a tenere l’auto in strada che si è schiantata piuttosto violentemente contro uno dei pilastri del ponte. Dietro la Megane è giunta, sempre ad alta velocità, la Fiat 124 il cui conducente non è riuscito a fermarsi in tempo, andando a tamponare l’auto dell’amico già schiantata.

Tutti hanno riportato ferite, ma il più grave è stato il passeggero della Megane, ricoverato all’ospedale di Asti con una prognosi di 40 giorni per diverse fratture e contusioni.

Gli automobilisti, secondo gli esami eseguiti nell’immediatezza, avevano assunto alcol e sostanze stupefacenti poco prima di mettersi alla guida.

Questa mattina, in tribunale, il processo.

Mentre Marti Pujol ha scelto la via della “messa alla prova”, Palomares, difeso dall’avvocato Marco Calosso, ha affrontato il dibattimento che si è concluso per una sua assoluzione su tutta la linea.

Questo perché le lesioni riportate dal passeggero della Megane non possono essere addebitate con certezza al tamponamento, ma più probabilmente al primo schianto contro il pilastro e, per quanto riguarda la guida sotto effetto di sostanze stupefacenti, la difesa ha rilevato una procedura non corretta nell’effettuazione degli esami.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo