incendio villafranca
Cronaca
Galleria 
Incendio

Villafranca d’Asti, incendio nella chiesa parrocchiale distrugge la statua di Padre Pio e annerisce tutto

Solo la mancanza di circolazione di aria ha evitato danni ancora peggiori. Distrutta la cappella in cui era ospitata la statua di Padre Pio

Grave incendio nella notte all’interno della chiesa parrocchiale dei santi Elena ed Eusebio di Villafranca d’Asti. Ad andare distrutta è stata la cappella laterale sinistra, vicino all’ingresso, quella che ospitava la statua di Padre Pio.
Ad accorgersi del disastro il parroco, don Antonio, questa mattina alla riapertura della chiesa. <Appena sono entrato ho trovato la chiesa satura di fumo nero – racconta – Non si vedeva che a pochi centimetri. Poi ho capito da dove era scaturito, ovvero dalla cappella laterale. Non sappiamo cosa abbia provocato l’incendio: forse un corto circuito elettrico, forse un lumino rimasto acceso. Sta di fatto che il primo oggetto ad andare a fuoco è stato il piedistallo di legno su cui poggiava la statua dedicata a Padre Pio del quale è rimasta integra solo la testa>.

Solo il fatto che durante la notte tutte le porte fossero chiuse e non ci fosse circolazione di aria ha limitato i danni. Le fiamme hanno lambito anche l’antico organo senza però intaccarlo.

I danni maggiori, oltre che nella distruzione della cappella, si devono registrare soprattutto nel fumo nero e denso che si è depositato su ogni cosa presente in chiesa (banchi, affreschi, tele antiche, oggetti sacri, sedie, lampade, statue) e sui muri che ora appaiono completamente anneriti. Gli stessi muri che erano stati recentemente sottoposti ad un restauro.

Attualmente la chiesa è inagibile e domenica resterà chiusa. Don Antonio spera al più presto di ripulire dal fumo nero i banchi e il pavimento per poter riaprire lo splendido edificio di culto alle funzioni transennando la cappella che invece ha bisogno di un importante intervento di restauro.

Sul posto, questa mattina, anche il sindaco del paese Anna Macchia.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo