Abbazia di Vezzolano: dopo le polemiche regolare riapertura al pubblico
Cultura e Spettacoli

Abbazia di Vezzolano: dopo le polemiche regolare riapertura al pubblico

La firma di una convenzione tra l’Associazione “InCollina” Infopoint di Castelnuovo Don Bosco e il Polo Museale Regionale permetterà, a partire da martedì, la regolare riapertura al pubblico

La firma di una convenzione tra l’Associazione “InCollina” Infopoint di Castelnuovo Don Bosco e il Polo Museale Regionale permetterà, a partire da martedì, la regolare riapertura al pubblico dell’Abbazia di Vezzolano, chiusa da martedì scorso per temporanea mancanza di custode. Una situazione che ha da subito suscitato qualche polemica, considerato il periodo di maggiore afflusso turistico del periodo estivo e l’imminente celebrazione del Bicentenario della nascita di Don Bosco.

«Venuti al corrente qualche giorno prima della situazione – fa sapere Paolo Aiassa dell’Associazione “InCollina” – ci siamo subito attivati proponendoci al Polo Museale Regionale, attuale responsabile del sito di Vezzolano, come interlocutore in grado di affrontare la situazione di emergenza attraverso l’organizzazione di un servizio di presidio dell’Abbazia, finalizzato a evitarne la chiusura, seppur temporanea. A seguito di un preliminare incontro con i funzionari del Polo Museale – prosegue Aiassa – si è presentata una proposta di convenzione per ottenere le autorizzazioni necessarie e in contemporanea è partito un vero e proprio tam tam tra le 195 guide turistiche accreditate per le province di Asti e Torino e alcuni volontari. Lunedì scorso, presso la canonica di Vezzolano, si è tenuto un incontro di formazione a opera dell’Architetto Paola Salerno, volto a fornire informazioni storiche e operative per la gestione dell’attività di presidio al quale hanno partecipato oltre 30 persone che avevano prontamente risposto al nostro all’appello. Grazie a loro, da martedì, l'Abbazia sarà visitabile nei suoi consueti orari di apertura, in attesa che si possa insediare un nuovo custode permanente».

m.b.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo