La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Al Pavese Festival stasera Neri Marcorè legge “gli attimi da ricordare”
Cultura e spettacoliCanelli e sud -

Al Pavese Festival stasera Neri Marcorè legge “gli attimi da ricordare”

L'attore in un incontro tra letteratura e musica. Domani è il girono del grande jazz, domenica il treno storico a vapore, Cristiano Godano e la musica di Pacifico

E’ il weekend clou della rassegna

A Santo Stefano Belbo il Pavese Festival entra nel vivo con un week end che presenta artisti del calibro di Neri Marcorè, Enrico Rava, Cristiano Godano e Pacifico.
Si inizia questa sera, venerdì, con l’atteso incontro di letteratura e musica condotto da Neri Marcorè insieme ai Safir Nou. L’appuntamento è alle 21,30 alla Fondazione con lo spettacolo che ha il nome dell’edizione 2019: “Non si ricordano i giorni, si ricordano gli attimi”.
«Con l’amico Neri – racconta Pierluigi Vaccaneo, direttore della Fondazione Cesare Pavese – incontreremo Feria d’agosto, la raccolta di racconti, uscita nel 1946, in cui si trovano tutte le tematiche che caratterizzano il percorso poetico di Cesare Pavese. Il reading letterario, accompagnato dal duo Safir Nou, composto da Antonio Firinu e Sergio Tifu, fratello di Anna Tifu, giovane promessa della musica italiana e figlio del primo violino dell’orchestra Enescu di Bucarest, sarà un viaggio tra musica e letteratura nel Mito pavesiano. Con Enrico Rava e Andrea Pozza invece andremo nel jazz puro con una serata che non ha bisogno di presentazioni. Pacifico è un grande amico della Fondazione e il suoritorno sarà l’occasione per presentare il suo nuovo album “Bastasse il cielo”. Domenica pomeriggio incontreremo Cristiano Godano che, assieme ad Alessandra Morra del Festival Inpoetica, dialogherà attorno ai temi più con cui la Fondazione collabora da anni».

Domani, sabato, alle 17 nella chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo si terrà la presentazione del libro “Vincent Van Gogh, ipotesi di un delitto a fumetti” di Armando Brignolo e Gino Vercelli. I due autori dialogheranno con Franco Vaccaneo. Alle 21,30 altro momento attesissimo, il concerto Jazz con Enrico Rava che incontra Andrea Pozza, sempre in piazza Confraternita. Domenica si comincia al mattino, alle 10,17 con l’arrivo del treno storico alla stazione ferroviaria di Santo Stefano Belbo. Partirà da Torino Porta Nuova ed effettuerà anche alcune fermate nell’Astigiano. In particolare ad Asti (8.50), Motta di Costigliole (9.14), Castagnole delle Lanze (10.00).
I biglietti sono in vendita nelle biglietterie e self service di stazione, agenzie di viaggio abilitate e su trenitalia.com. Sarà possibile acquistarli anche a bordo treno, senza alcuna maggiorazione di prezzo, e in relazione alla disponibilità dei posti a sedere. All’arrivo del treno seguirà la performance di Daniela Febino e del Collettivo Scirò che si ripeterà alle 14,30. Pausa pranzo con la Pro loco di Santo Stefano Belbo e, alle 17,30 la Chiesa dei Santi Giacomo e Cristoforo accoglierà nuovamente un appuntamento del festival, ovvero il dialogo fra Cristiano Godano dei Marlene Kuntz con Alessandra Morra. Alle 21,30 gran finale in piazza Confraternita con Pacifico e il suo nuovo album “Bastasse il cielo”, un viaggio tra ispirazione, creatività, musica e parole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente