fabio orioli2
Cultura e Spettacoli
Cultura

Asti, a pranzo fra le incisioni “Nero su bianco” di un giovane illustratore

Inaugurata la msotra di Fabio Orioli al Tacabanda. Rimarrà allestita fino al 14 gennaio

E’ un amore molto recente quello che Fabio Orioli, giovane artista astigiano di 22 anni, ha scoperto per la stampa di incisione, ma come ogni grande fiamma che si rispetti, ha ispirato già una serie di opere degne di essere mostrate a tutti.
Orioli, venerdì, ha inaugurato nelle sale del ristorante Tacabanda di Asti, la sua mostra personale “Nero su bianco”.
Nei locali del ristorante fino al 14 gennaio negli stessi orari di apertura del Tacabanda, sarà possibile vedere le quindici opere realizzate in poco meno di tre mesi.
Tra il figurativo e l’illustrativo, Orioli non si è limitato alle tecniche tradizionali spingendosi anche in alcune sperimentazioni che offre al giudizio di chi visiterà la mostra.
Il giovane nasce come illustratore per l’infanzia ma attualmente studia pittura e sta preparando la tesi proprio su pittura e illustrazione alla Libera Accademia Novalia di Alba.
Proprio l’avvicinamento alla stampa di incisione ha soddisfatto la sua ricerca di un punto di incontro fra pittura ed illustrazione, le sue due grandi passioni.
Orioli fa parte di quella “fortunata” squadra” di ragazzi diplomati al Liceo Artistico che hanno dato vita al progetto a Viarigi di realizzazione di murales che fermino per sempre l’atmosfera giocosa e magica che si respira durante Saltinpiazza. Un progetto che ha anche ricevuto un premio Unesco per la sua unicità e rilevanza.
Il suo sogno è diventare un illustratore, ma la sete di esplorazione lo porterà presto ad intraprendere anche studi di design in Gran Bretagna.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo