Riccardo Costa
Cultura e Spettacoli
Cinema

Asti Film Festival, la decima edizione si svolgerà dal 25 al 29 maggio

L’annuncio del direttore Riccardo Costa dopo due rinvii causa pandemia. Intanto è stata avviata la sinergia con altre rassegne italiane guidata dal “Giffoni”

Si svolgerà da martedì 25 a sabato 29 maggio la decima edizione di Asti Film Festival, organizzato dal circolo cinematografico Vertigo.
Una calendarizzazione “a prova di pandemia” in quanto, se le restrizioni non dovessero consentirne lo svolgimento in un luogo chiuso, gli incontri e le proiezioni dei film avverranno all’aperto, in una sorta di anticipazione delle arene estive.
Ad assicurarlo, dopo due rinvii causa emergenza Covid (tradizionalmente il festival si svolge ad inizio dicembre tra Sala Pastrone e Teatro Alfieri), il direttore Riccardo Costa.
«La data scelta – afferma – consentirà lo svolgimento dell’evento anche se permarranno le restrizioni relative ai cinema (scenario che sarebbe peraltro molto grave per il settore). Per questo stiamo cercando di individuare location alternative non solo in città, ma anche in provincia, sia per gli incontri “di parola” con autori e registi dei film in concorso (riguardo a cui stiamo definendo alcune location molto suggestive) sia per le proiezioni. Il tutto, non lo nascondo, con la viva speranza di poter ospitare la serata finale all’Alfieri come in passato».

Il carattere internazionale

Da due anni il festival ha assunto un respiro internazionale. «In questi giorni – aggiunge – stiamo ricevendo adesioni importanti da parte di registi e attori provenienti da diversi Paesi del mondo (oltre all’Italia, posso citare Francia, Spagna, Stati Uniti, Germania e Svizzera) che hanno confermato la presenza, compatibilmente con la possibilità degli spostamenti legata all’emergenza sanitaria. Anche perché, quest’anno, assegneremo due premi (Miglior attore e Miglior attrice) ai lungometraggi e ai cortometraggi stranieri in concorso».
Da ricordare che il festival ha raggiunto nel 2020 circa 400 iscrizioni, tra cui sono stati selezionati 153 lavori. Sette le sezioni: La prima cosa bella international (11 lungometraggi selezionati, dal Giappone agli Stati Uniti); La prima cosa bella Italia (8 opere); Asti short international (43 cortometraggi, dalla Cina al Brasile); Asti short international “Anime” (6 lavori); Asti short Italia (36 corti); Asti Doc international (23 documentari, dall’Iran all’Indonesia); Asti Doc Italia (26 lavori).
Intanto da circa un mese sono aperte le iscrizioni all’undicesima edizione, prevista il prossimo dicembre. «Abbiamo già ricevuto oltre 40 iscrizioni – annuncia Costa – segno che il festival si è ritagliato la sua fetta di popolarità».

La sinergia con altri festival italiani

A dimostrazione di ciò, il fatto che Costa sia stato recentemente contattato da Claudio Gubitosi, fondatore e direttore del Giffoni Film Festival. «Farà da capofila – racconta – ad un progetto di sinergia tra i festival più importanti del contesto italiano, in cui siamo stati coinvolti. Una proposta che mi fa molto piacere sia perché l’idea di fare rete ha sempre rappresentato una priorità sia perché considero il Giffoni, che quest’anno spegne 50 candeline, un modello».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail