La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Con “I Narratempo” un tuffo nella storia di Asti alla scoperta delle osterie
Cultura e spettacoli, Tempo libero Asti -

Con “I Narratempo” un tuffo nella storia di Asti alla scoperta delle osterie

Domani il percorso teatrale per le vie del centro storico che terminerà nel cortile della Cascina del Racconto

Domani “I Narratempo”

Domani (lunedì) verrà recuperato lo spettacolo che avrebbe dovuto essere l’anticipazione di AstiTeatro 42, ma che all’ultimo è stato rimandato per maltempo. Protagonisti “I Narratempo” che presenteranno “N’a vira a n’ast iera n’ostu”, percorso teatrale che si terrà tra le 18 e le 19.30 tra le vie del centro storico.
Al centro della narrazione l’osteria, spunto per ricordare non solo la storia di Asti, ma quella dell’Italia intera: dalle due guerre mondiali alla ripresa economica, dall’immigrazione veneta e meridionale alla diffusione della televisione. Fino, proprio, al tramonto dell’osteria, progressivamente sostituita da nuove cucine e culture. «L’osteria – spiegano i protagonisti – viene ricordata come luogo di aggregazione sociale al cui interno è passato quel quotidiano che è poi diventato storia, con personaggi caratteristici e cognomi più o meno noti che hanno avuto un ruolo importante nella vita della città».

Gli attori

I partecipanti saranno accompagnati (a gruppi) da Giuseppe Barla, Mario Galliano, Renzo Moretto, Piero Musso, Alessandro Viale appunto alla scoperta delle vecchie osterie, con partenze da piazza Statuto e da piazza San Giuseppe alle 18 e finale alle 19.30 nel cortile della Cascina del Racconto di via Bonzanigo. In scena Lillo Agrò, Luciana Berzano, Fabrizio Bosco, Rita Coppola, Pina Fea, Giorgio Gallo, Gloria Gianotti, Francesca Ibertis, Nico Marinetto, Emanuela Paccagnan, Orietta Pagliarino, Pino Pampararo, Dino Penso, Maurizio Piccotti, Adriano Rissone, Gino Vercelli, accompagnati dalla musica degli “Amici della Caraffa”. Tecnico Claudio Nano.
Prenotazione obbligatoria (massimo a 50 persone) chiamando la biglietteria del Teatro Alfieri dalle 10 alle 17 allo 0141/399057.