Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/studenti-della-venaria-realebrrestaureranno-la-domus-romana-56e687f5926f61-nkil2ump7c6rh1omq5c1jqvqahpohcvs2g3m6wa0so.jpg" title="Studenti della Venaria Reale
restaureranno la Domus Romana" alt="Studenti della Venaria Realerestaureranno la Domus Romana" loading="lazy" />
Cultura e Spettacoli

Studenti della Venaria Reale
restaureranno la Domus Romana

Una decina di studenti del IV anno del corso di laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali della “Venaria Reale” realizzeranno, a settembre, un importante intervento di recupero della

Una decina di studenti del IV anno del corso di laurea in Conservazione e Restauro dei Beni Culturali della “Venaria Reale” realizzeranno, a settembre, un importante intervento di recupero della Domus Romana di via Varrone. Il progetto è stato deliberato dalla Giunta Brignolo dopo un accordo tra la Soprintendenza Archeologica, l’Università di Torino e il Comune di Asti.

E' finalizzato innanzitutto al restauro del mosaico posto nella Domus Romana, ma anche al consolidamento e alla pulitura di tutta l’area archeologica nonché al restauro di alcuni reperti lapidei rinvenuti negli ultimi vent’anni negli scavi nei pressi della Cattedrale. L’Università, attraverso la Fondazione Centro Conservazione e Restauro “La Venaria Reale”, effettuerà a titolo gratuito, gli interventi come da programma con un cantiere/stage di restauro di quattro settimane che vedrà impegnati gli studenti del IV anno sotto la guida di due docenti. La Soprintendenza assumerà, come da normativa, la direzione tecnico-scientifica degli interventi mentre il Comune di Asti, proprietario del monumento, si farà carico delle spese di consumo.

«E’ un esempio virtuoso di collaborazione tra Enti – dichiarano il sindaco Fabrizio Brignolo e l’assessore alla cultura Massimo Cotto – che valorizza uno dei nostri monumenti più importanti. Non tutti sanno che il sito archeologico di Asti è forse il più rilevante del Piemonte e questa attività conferma l’attenzione delle istituzioni sovra locali per questa immensa risorsa della città».

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link

Scopri inoltre:

Edizione digitale