Da Bonolis al video musicale “U' cannolo”
Cultura e Spettacoli

Da Bonolis al video musicale “U’ cannolo”

Potrebbe essere il nuovo tormentone estivo la clip musicale realizzata da Olimpia Madonia, una simpatica impiegata astigiana quarantenne divenuta celebre nel settembre 2015 per aver partecipato alla trasmissione “Avanti un altro” di Paolo Bonolis su Canale 5

Potrebbe essere il nuovo tormentone estivo la clip musicale realizzata da Olimpia Madonia, una simpatica impiegata astigiana quarantenne divenuta celebre nel settembre 2015 per aver partecipato alla trasmissione “Avanti un altro” di Paolo Bonolis su Canale 5. Peculiarità di Olimpia, oltre alla prorompente simpatia, la sua risata, squillante e contagiosa, in grado di strappare sorrisi e applausi. All’epoca i suoi scheck con Bonolis divennero virali in rete e sui social, tanto che adesso, qualche produttore dall’occhio lungo ha pensato bene di contattarla per proporle di registrare una canzone con video musicale. E così, è nato “U’ cannolo”, motivetto orecchiabile a ritmo lambada il cui titolo rimanda al tipico dolce siciliano ma dove il testo è ricco di doppi sensi non troppo celati che ben si sposa con le altre canzoni leggere proposte solitamente come colonna sonora dell’estate.

A scrivere la canzone per Olimpia, Philippe Leon già autore di famosi “big” nazionali della musica mentre il video è stato girato niente meno che in una villetta di corso Venezia, qui ad Asti. «Ancora non mi sembra vero di aver intrapreso questa avventura – ci ha raccontato Olimpia che per la realizzazione della clip musicale, tra truccatrici, parrucchiere, ballerini e telecamere, è stata attorniata da uno staff degno di una star – Non mi piace essere definita un “personaggio”, io sono così, autentica e spontanea. Non so dove mi porterà questa esperienza, adesso penso solo a godermela e a divertirmi». Il soggetto della canzone è volutamente, perdonateci il gioco di parole, «scanzonato». 

Il resto dell’articolo sul giornale in edicola venerdì

Lucia Pignari

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo