Andrea Brosi
Cultura e Spettacoli
Intervista

Da Cortandone ad Helsinki: Andrea Brosio, il rocker che ha vinto The Voice of Finland All Stars

“Suonavo la chitarra – racconta Brosio – Mi sono iscritto al Conservatorio, poi il destino ha scelto per me. Una tendinite mi ha costretto a cambiare strumento e mi sono concentrato sulla voce”

Non importa dove tu sia, in quale paese, in quale realtà. Il successo può raggiungerti in qualunque parte del mondo e in qualsiasi momento. E’ andata così per Andrea Brosio, originario della piccola Cortandone, partito per caso per Helsinki a 19 anni e approdato nel 2021 alla vittoria del contest “The Voice of Finland All Stars”. Ne parliamo direttamente con Brosio.

Com’è andata? Se l’aspettava questa vittoria?

«Sinceramente no. Per chi ha visto la trasmissione, alle audizioni Michael Monroe (una leggenda del rock finlandese, n.d.r.), uno dei giudici, si è girato proprio sull’ultima nota della mia esibizione. Il “feeling” è quindi cresciuto un po’ alla volta, durante le varie tappe del concorso».

Ci racconta come un cantante rock italiano si trova a costruire una carriera in Finlandia?

«In Finlandia ci sono andato rispondendo ad uno di quegli annunci che vengono fatti a scuola. Non era nei miei progetti di vita, ma perché no? La musica era già parte della mia vita. Suonavo la chitarra e in Finlandia sono entrato in un gruppo, quindi ho deciso di rimanere. Mi sono iscritto al Conservatorio, poi il destino ha scelto per me. Una tendinite mi ha costretto a cambiare strumento e mi sono concentrato sulla voce. Il canto è il mio nuovo strumento. Nel 2017 ho partecipato a The Voice of Finland arrivando terzo. Poi, quest’anno, il contest ha deciso di festeggiare i 10 anni con questa edizione “All Stars” e sono stato richiamato a partecipare».

Dopo la vittoria si sono aperte nuove opportunità?

«Si, certo. Con il mio gruppo, i “White Cloud Fire”, siamo stati messi sotto contratto dalla Universal. E’ già stato pubblicato il nostro singolo “I Don’t Wanna”. Fortunatamente la situazione è migliorata dopo le chiusure dovute al Covid e stiamo ripartendo con la ripresa delle manifestazioni e la riapertura dei locali».

La vedremo esibirsi anche in Italia?

«Chi può dirlo? Non nego che mi piacerebbe. Per ora la nostra carriera è concentrata nel nord Europa, ma ormai non escludo più nulla. Tutto può succedere».

Parliamo delle sue origini. In molte interviste la descrivono come cantante di Orbassano. Vogliamo chiarire?

«E’ dovuto al fatto che ho passato tutto il periodo scolastico ad Orbassano, ma mio padre è originario di Cortandone ed è qui che io mi sento a casa. Ci passavo le estati ritrovando i legami familiari. Mi sento molto astigiano. A Cortandone sono le mie radici».

E da Cortandone sono arrivate le congratulazioni ad Andrea attraverso un post sui social dove si legge: “Bravo Andrea, continua così e porta in giro per il mondo la “voce” e il nome di Cortandone”, firmato dall’amministrazione comunale.

Nella foto (Sole Salovaara, Kalle Pyyhtinen ©) Andrea Brosio, al centro, con il suo gruppo White Cloud Fire. 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo

Per la tua pubblicità su
la nuova provincia

Agenzia Publiarco
chiama il n. 0141 593210
oppure invia una mail