Cerca
Close this search box.
<img src="https://lanuovaprovincia.it/wp-content/uploads/elementor/thumbs/dai-morcheeba-a-raphael-gualazzibrquotasti-musicaquot-stringe-i-denti-e-fa-19-56e68250dc88e1-nkjna73b5gxl8tx0o5d9e6l15wt25vwths14d71eh4.jpg" title="Dai Morcheeba a Raphael Gualazzi
"Asti Musica" stringe i denti e fa 19" alt="Dai Morcheeba a Raphael Gualazzi"Asti Musica" stringe i denti e fa 19" loading="lazy" />
Cultura e Spettacoli

Dai Morcheeba a Raphael Gualazzi
"Asti Musica" stringe i denti e fa 19

«Forse quest’anno sarebbe stato più logico non organizzare il festival, ma abbiamo deciso di proseguire ugualmente per due ragioni: la prima è che non volevo essere io, dopo 18 anni da direttore

«Forse quest’anno sarebbe stato più logico non organizzare il festival, ma abbiamo deciso di proseguire ugualmente per due ragioni: la prima è che non volevo essere io, dopo 18 anni da direttore artistico, a decretarne la fine, la seconda è che non volevamo privare di un evento così importante la nostra città». E’ un Massimo Cotto mestamente realista, ma comunque propositivo, quello che presenta alla stampa locale la 19esima edizione di “Astimusica”, rassegna musicale che da quasi un ventennio ormai proietta Asti tra le realtà italiane più importanti in materia di concerti dal vivo.

Periodo di magra quello che attraversiamo ora come ora, nulla da obiettare. Ma se da un lato la nostra città paga, come tutto il Paese, lo scotto della crisi e dei fondi comunali sempre più esigui (120 mila euro circa il budget 2014 per il festival), dall’altro si segnala anche come esempio virtuoso di territorio che non si arrende ai dati di fatto cercando in modo caparbio e meritorio di continuare a dare alla cultura una voce, una via di fuga o semplicemente quello spazio che le compete in quanto risorsa vera e propria per tutta la comunità.

Nasce da questi presupposti l’edizione 2014, «in dubbio fino all’ultimo» ricorda l’assessore Cotto, che da mercoledì 9 a venerdì 25 luglio porta 19 concerti sul palco di piazza Cattedrale (ennesima conferma di luogo comune di aggregazione per la cittadinanza). A questi si aggiunge come anteprima (successiva al "The Hangover Summer Fest" di sabato 21 giugno al Parco Lungo Tanaro) lunedì 7 luglio l’appuntamento “Aspettando Astimusica” che il nostro giornale organizza in piazza Cattedrale e per il quale sarà assoluto protagonista il semifinalista di “The Voice 2014” Stefano Corona insieme ad altri ospiti che hanno dato la loro adesione come l’ex voce dei Nomadi Danilo Sacco, la scuola di circo Chapitombolo di Monale, il mentalista Mazz Mariano e non solo.

Diciannove concerti, si diceva, di cui solo quattro a pagamento: gli inglesi Morcheeba lunedì 14 (25 euro), il rapper napoletano Clementino venerdì 25 (10 euro), Raphael Gualazzi giovedì 17 (20 euro) e Cristiano De Andrè mercoledì 23 (20 euro). Come gli ultimi due, anche gli ospiti Zibba E Almalibre (mercoledì 16) e Renzo Rubino (mercoledì 9 – apre la serata l’ex La Crus Cesare Malfatti) sono o sono stati vincitori del “Premio della critica” al Festival di Sanremo. Completano il calendario della kermesse I Camaleonti (giovedì 10), i Sinfonico Honolulu (venerdì 11), la prog rock band astigiana Locanda Delle Fate insieme all’ex voce de Le Orme Aldo Tagliapietra (sabato 12), il bluesman americano Jerry Portnoy (13 luglio), i capofila del movimento Mod torinese Statuto (martedì 15), Pierpaolo Capovilla de Il Teatro Degli Orrori (venerdì 18 luglio), i Sardegna Posse – Dr. Drer & Crc Posse (sabato 19 luglio), l’ex CCCP Massimo Zamboni (domenica 20), la storica prog rock band milanese Stormy Six (lunedì 21), Ginger Brew & Dilù Miller (martedì 22) e gli Elements (giovedì 24).

A dispetto delle risorse, quindi, un cartellone composito e di tutto rispetto, completato dalla rassegna “Cantanapoli” sabato 26 luglio e dal “Monferrato Jazz Festival” in scena tra Asti e paesi dall’8 luglio all’1 agosto. Un’edizione per la quale Massimo Cotto tiene a ringraziare in modo particolare Renzo Abbate, deus ex machina del “Contro Festival” di Catagnole Lanze, «senza il cui aiuto – dice – non sarebbe stato possibile mettere in piedi la rassegna». Al dirigente comunale Gian Porro, invece, il compito di chiudere la presentazione con un richiamo alla cittadinanza: «Se una parte degli astigiani non farà uno sforzo per aiutare il suo festival partecipando ad almeno uno dei concerti a pagamento, quella 2014 potrebbe essere davvero l’ultima edizione di “Asti Musica”». Un appello che si spera, per il bene di Asti tutta, non cada nel vuoto.

Luca Garrone

Condividi:

Facebook
Twitter
WhatsApp

Le principali notizie di Asti e provincia direttamente su WhatsApp. Iscriviti al canale gratuito de La Nuova Provincia cliccando sul seguente link: https://whatsapp.com/channel/0029Va8jc2O0LKZAUYo2g63v

Scopri inoltre:

Edizione digitale