Douja e Sagre, partenza a razzoin cucina e suoi social network
Cultura e Spettacoli

Douja e Sagre, partenza a razzo
in cucina e suoi social network

Partenza a razzo per la 47a edizione della Douja d'Or, inaugurata venerdì scorso a Palazzo dell'Enofila. “Nel primo fine settimana abbiamo raggiunto i numeri straordinari del 2012 (circa

Partenza a razzo per la 47a edizione della Douja d'Or, inaugurata venerdì scorso a Palazzo dell'Enofila. “Nel primo fine settimana abbiamo raggiunto i numeri straordinari del 2012 (circa 17mila degustazioni) nonostante la riduzione d'orario che ci siamo imposti per ragioni di sicurezza ”, commenta con soddisfazione il presidente della Camera di Commercio di Asti, Mario Sacco.
Il divieto di vendere bottiglie al Festival delle Sagre, e la chiusura anticipata della cantina -self service della Douja, hanno scoraggiato gli eccessi della passata edizione. “Noi abbiamo fatto la nostra parte – segnala Sacco – ci aspettiamo che l'anno venturo l'intera città condivida i nostri sforzi evitando la vendita delle bottiglie, all'insegna del motto: bere bene e con moderazione”.
Douja e Sagre quest'anno sono state protagoniste anche sul web e sui social network, solo tra venerdì e domenica sera il sito www.doujador.it ha superato i 31 mila accessi; oltre 78mila persone hanno commentato, condiviso e pubblicato le loro foto sulle pagine Facebook della Douja d'Or e del Festival delle Sagre. Dal virtuale al reale del villaggio delle Sagre, anche in termini gastronomici i numeri sono di tutto rilievo: 130 quintali di carne e pesce, 30 di tagliatelle e lasagne, 80 di agnolotti e gnocchi, 60 di polenta, oltre a 1,5 quintali di funghi e 70 chili di tartufi. Un menu concluso in bellezza con le 95mila porzioni di dolci.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo