La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Due anteprime in attesa di AstiTeatro 41
Cultura e spettacoli, Tempo liberoAsti -

Due anteprime in attesa di AstiTeatro 41

Sabato lo spettacolo dei Narratempo sulla storia delle osterie astigiane, domenica "Overload" di Daniele Villa

AstiTeatro

Si avvicina la data di avvio di AstiTeatro, lo storico festival di teatro nazionale e internazionale astigiano, con la direzione artistica di Emiliano Bronzino, giunto alla 41esima edizione.
In attesa del primo spettacolo, in programma giovedì 20 giugno, sono previste infatti questo fine settimana due anteprime.

Le anteprime

Domani (sabato), dalle 18 in piazza Statuto, i Narratempo condurranno il pubblico in un percorso teatrale nelle vecchie osterie astigiane, che si concluderà alla Cascina del Racconto alle 19.30.
In scena gli attori Piero Musso, Renzo Moretto, Giuseppe Barla, Giulia Masoero, Irene Trione, Alberto Genta, Gloria Gianotti, Pina Fea, Francesca Ibertis, Maurizio Picciotti, Pino Pampararo, Nico Matinetto, Giorgio Gallo, Fabrizio Bosco, Emanuela Paccagnan, Lillo Agrò, con le canzoni in scena di Franco Idino. Gli attori accompagneranno il pubblico in un “tuffo” tra le vie del centro storico di Asti. Al centro della narrazione l’osteria, per non dimenticare la storia della città e dell’Italia intera.
L’osteria è vista infatti come luogo di aggregazione sociale al cui interno è passato quel quotidiano che è poi diventato storia, con personaggi caratteristici e cognomi più o meno noti che hanno avuto un ruolo importante nella vita della città. Ingresso libero.
A seguire, domenica 16 giugno, alle 18 allo Spazio Kor di piazza San Giuseppe, andrà in scena “Overload”, spettacolo di Sotterraneo scritto da Daniele Villa e premiato con il Premio UBU 2018 e con il Premio Best of Be Festival di Birmingham. L’evento è inserito nel cartellone “Babel – I tre giorni del festival”. In scena Sara Bonaventura, Claudio Cirri, Lorenza Guerrini, Daniele Pennati e Giulio Santolini. È un esperimento di ipertesto teatrale: a partire da un discorso centrale, i performer offrono continuamente dei collegamenti a contenuti nascosti che innescano possibili azioni e immagini. Il pubblico ha la facoltà di rifiutare i collegamenti e continuare a seguire il discorso, oppure di attivarli, allontanandosi dal centro dello spettacolo e perdendosi in un labirinto di distrazioni. Ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.
AstiTeatro è organizzato dal Comune di Asti nell’ambito del progetto di rete Patric (Polo astigiano per il teatro di ricerca e di innovazione contemporaneo), il cui maggiore sostenitore è la Compagnia di San Paolo nell’ambito dell’edizione 2019 del bando Performing Arts, grazie al prezioso sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CrAsti, Fondazione CRT, MIBAC, Fondazione Piemonte dal Vivo e Asp.

Iscrizioni allo spettacolo presso la casa di reclusione di Quarto

Si ricorda, inoltre, che le prenotazioni per lo spettacolo “Lisistrata nei quartieri spagnoli” di Mimmo Sorrentino, interpretato da tredici detenuti alla casa di reclusione di Quarto il 28 e 29 giugno, vanno effettuate entro oggi (venerdì) presso la biglietteria del Teatro Alfieri (0141/399057). Ingresso 5 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente