Fiori in fiera sotto la pioggia,rinviata a giovedì la notte bianca a Villa
Cultura e Spettacoli

Fiori in fiera sotto la pioggia,
rinviata a giovedì la notte bianca a Villa

Edizione che va in archivio segnata dalla pioggia, dimezzato il numero di espositori. La festa riprenderà giovedì, quando verrà recuperata la notte bianca in frazione Villa: gastronomia, gruppi storici e il concerto degli Abap

Segnata negativamente dalla pioggia la manifestazione Fiori in fiera che si è svolta nel weekend ad Isola. Dimezzato il numero degli espositori arrivati in paese, anche se i visitatori hanno comunque potuto trovare un’offerta variegata alla mostra mercato sulle piazze di Isola: dai fiori perenni e annuali alle piante officinali, da quelle grasse agli arbusti ed alberelli. Significativa la presenza dei produttori liguri, a riprova dell’interesse che riscuote tra gli operatori del settore la fiera, organizzata per il 18esimo anno consecutivo dal Comune, inserita tra le manifestazioni regionali e riconosciuta anche dal Ministero per le politiche agricole.

Limitate anche le attività all’aperto; mentre si è tenuto come da programma al Centro congressi il convegno sulla biodiversità. In apertura il sindaco Franco Cavagnino ha annunciato il riconoscimento di notevole interesse pubblico per il paesaggio di Isola Villa: «Avevamo lanciato un anno fa la candidatura. Probabilmente prima delle vacanze otterremo il riconoscimento. La biodiversità è parte integrante di questo progetto e concorre alla valorizzazione del territorio». «Il riconoscimento – ha sottolineato Marco Devecchi, docente di Agraria all’Università di Torino che ha moderato il convegno – abbina elementi del paesaggio agrario e di naturalità di grande pregio, unendoli alle costruzioni storiche: è però necessario non “musealizzare” queste realtà, ma sperimentare, come per esempio si è fatto con l’introduzione dell’ulivo laddove il microclima ha consentito di farlo».

Il convegno ha poi proposto alcune esperienze avviate nell’Astigiano, a partire dalla ricerca sulla biodiversità nei piccoli corsi d’acqua del territorio delle Colline del Mare esposta da Francesco Ravetti, guardiaparco delle Aree Protette Astigiane, e Tiziano Bo, docente universitario del Piemonte Orientale. In oltre 60 sopralluoghi nel territorio tra Tanaro e Belbo, sono stati monitorati 24 piccoli rii attraverso 31 punti di campionamento. Tra le specie protette censite, il gambero di fiume. Complessivamente il 58% dei corsi studiati ha ottenuto il  giudizio di “buono” sulla qualità delle acque, mentre i ricercatori sottolineano la necessità di “non costruire in zone di pertinenza fluviale”.

Gianfranco Miroglio, referente per le Colline del Mare, ha ricordato l’obiettivo di giungere a una maggiore conoscenza e fruizione dei beni naturali e culturali compresi nel piano di valorizzazione, cui aderiscono 40 soggetti pubblici e privati del Sud e Nord Ovest Astigiano (Isola compresa). Filippo Romagnolo e Paolo Baldi si sono poi soffermati rispettivamente sulla biodiversità negli ambiti del rio Bragna (Costigliole) e del Paludo (zona umida di Calosso). Tra le novità di quest’anno di Fiori in fiera la passeggiata dal Piano di Isola alle sorgenti del Tiglione, che ha percorso punti di forte suggestione paesaggistica. Territorio in primo piano anche nelle visite dei tanti camperisti, provenienti da varie parti del Nord Italia, che hanno soggiornato in paese nel fine settimana.  Tra le loro mete un’azienda vinicola e un allevamento zootecnico con agrimacelleria annessa.

C’è stato anche il momento delle premiazioni a Fiori in Fiera: per Constantin Polotaico, alunno dell’asilo infantile “Cardinal Sodano”, il cui disegno è stato scelto come logo della manifestazione; e per Anna Dal Bon e Pietrina Cottu, che hanno partecipato al concorso Balconi e giardini fioriti indetto dal Comune. Hanno ricevuto piccoli riconoscimenti dall’assessore alle manifestazioni Sergio Baino.

E il maltempo aveva fatto “saltare”, sabato sera, anche la notte bianca in frazione Villa: è rinviata a giovedì sera, 25 aprile. A partire dalle 20 gastronomia in primo piano con i piatti preparati dalle Pro Loco: Isola servirà carne cruda di fassona, agnolotti all’isolana, crema calda al moscato; Mombercelli la friciula; Vigliano la polenta e gorgonzola, polenta e spezzatino, spezzatino e piselli; Mongardino l’antico “mun”. Ingredienti della festa saranno inoltre l’esibizione del gruppo storico isolano di sbandieratori e musici, la sfilata di moda, in collaborazione con i negozi Dolce donna (Asti), Estetica Sole Luna e Il salotto di Katia (Isola), l’esibizione della scuola di ballo La Rosa Negra. Alla Chiesa dei Battuti, alle 20,30, concerto degli Angelo Branduardi Acustic Project.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale