Glauco Mauri a “Paesaggi e oltre” nel nome del Bardo
Cultura e Spettacoli

Glauco Mauri a “Paesaggi e oltre” nel nome del Bardo

È affidata a Glauco Mauri e Roberto Sturno, due icone del teatro italiano, il compito di aprire la nuova edizione del festival “Paesaggi e oltre”

È affidata a Glauco Mauri e Roberto Sturno, due icone del teatro italiano, il compito di aprire la nuova edizione del festival “Paesaggi e oltre” allestito dall’Unione collinare “Tra Langa e Monferrato” con la direzione artistica del Teatro degli Acerbi. L’appuntamento è per oggi, sabato, a Costigliole: alle 21,30, nel cortile del Castello, un’inedita “Serata Shakespeare” nel 400esimo anniversario della morte del Bardo.

«Il canto dell’usignolo» è una breve favola di Gotthold Ephraim Lessing. Un pastore, in una triste sera di primavera, disse a un usignolo: «Caro usignolo, perché non canti più? Te ne stai muto da tanto tempo. Il tuo canto mi teneva compagnia: era così dolce, mi aiutava nei momenti di tristezza, mi era di tanto aiuto. Perché, caro usignolo, non canti più?». «Ahimè – rispose l’usignolo – ma non senti come gracidano forte le rane? Fanno tanto tanto chiasso e io ho perso la voglia di cantare. Ma tu non le senti?». «Certo che le sento – rispose il pastore – ma è il tuo silenzio che mi condanna a sentirle».

«Chi ha il dono di “cantare” quindi canti, per non condannarci a sentire il tanto gracidare della banalità e della volgarità che ci circonda. C’è tanto chiasso intorno a noi che abbiamo bisogno che si alzi un canto di poesia e di umanità».

Glauco Mauri e Roberto Sturno, accompagnati dalle musiche composte ed eseguite in scena da Giovanni Zappalorto, sono i protagonisti della serata che attraverso la poesia dei brani tratti da Enrico V, Come vi piace, Riccardo II, Timone d’Atene, Giulio Cesare, I Sonetti, Re Lear, La Tempesta, danno voce alle immortali opere di Shakespeare, «l’usignolo» che con il suo canto ci parla della vita di tutti noi. Dalle 16 alle 19,30 sarà possibile visitare il Castello e la mostra “Shades of silence”. All’ingresso del maniero il Ristorante Didattico del Castello “La Barbera – Enoteca e Training Restaurant”.

m.m.t.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo