Ricciarelli e Queen Mania
Cultura e Spettacoli
Evento

Katia Ricciarelli: «Il melodramma va tramandato»

La cantante lirica è stata protagonista sabato scorso del concerto con i Queenmania per unire musica leggera e lirica, «connubio di cui fu promotore Pavarotti»

Che cosa c’entra Katia Ricciarelli con Freddie Mercury? Una domanda a cui si può dare presto risposta se aggiungiamo un altro nome: Queenmania con Sonny Ensabella.

Il concerto

Nella splendida cornice di piazza Castello a Castell’Alfero, sabato scorso, è andato in scena uno spettacolare tributo ai Queen e a Freddie Mercury, con la partecipazione straordinaria, appunto, del soprano Katia Ricciarelli. Un evento unico – interrotto però prima del termine causa maltempo – che ha registrato date sold out in Germania e Olanda ed è stato in programmazione nei più importanti teatri d’Europa, e che poi è stato inserito nel cartellone di Monferrato On Stage, rassegna itinerante che unisce musica ed enogastronomia per valorizzare il territorio monferrino compreso nelle province di Asti, Torino e Alessandria.

Le parole della cantante

«Ho già interpretato brani di Freddie Mercury dal vivo, in particolare “Barcelona”, in cui duettava con Monserrat Caballé. Mi sono detta: l’ha cantata lei, quindi la canto anch’io. È musica molto bella, difficilissima da eseguire sotto il profilo tecnico», ha detto un’entusiasta Ricciarelli pronta ad arrivare in terra astigiana che già conosce bene per altri appuntamenti nel recente passato. Per l’occasione ha scelto di cantare musiche più melodiche, appunto come “Barcelona” – l’opera che Freddie Mercury realizzò in collaborazione con Monserrat Caballé – e “Who wants to live forever”.
Dal canto suo, Sonny Ensabella esalta il sodalizio con la grande cantante lirica: «La musica ispira e, quando è condivisa con una professionista di alto livello come Katia, tutto diventa più semplice. Ho imparato tanto da lei e non posso che ringraziarla per la sua disponibilità».
Gratitudine che la Ricciarelli contraccambia immediatamente: «Quando non sono nel mio campo, cerco sempre di imparare da chi ne sa più di me. Sonny, in questo caso, è il mio “ortolano” di fiducia e mi sono messa nelle sue sapienti mani. Cerco di tenere sempre questo atteggiamento quando non sono nel mio, come già feci quando ho girato il mio primo film con Pupi Avati».
«L’umiltà di Katia è ciò che la rende non solo una grande artista, ma anche e soprattutto una grande donna. Un suo tratto distintivo che rende il lavoro con lei più facile e divertente», replica il frontman della tribute band.

La commistione tra musica leggera e lirica

I Queenmania sono nati nel 2006 dall’unione di musicisti professionisti mossi dalla passione comune per la musica dei Queen. Il gruppo, oltre alla presenza di Sonny Ensabella, cantante performer di grande esperienza, si avvale della presenza di musicisti che vantano prestigiose collaborazioni all’interno del panorama musicale italiano ed europeo (Vasco Rossi, Andrea Bocelli, Mika, Enrico Ruggeri, Laura Pausini, Anna Oxa, Renato Zero, Gianna Nannini, Achille Lauro etc) quali Paolo Valli (batteria), Amudi Safa (chitarra e voce), Luca Colombo (chitarra e voce) e Luca Nicolasi (basso e voce).
Sul valore del mix tra la musica leggera e lirica, Ricciarelli non ha dubbi: «Pavarotti è stato il promotore di questo connubio con i suoi eventi. Il melodramma è nato in Italia, abbiamo compositori famosi in tutto il mondo ed è nostro preciso compito far conoscere e tramandare alle nuove generazioni questa cultura». Non ha dubbi anche Sonny Ensabella: «Freddie Mercury ha capito bene il valore di quest’unione mischiando già a fine anni ’80 i due generi. Un modo, questo, per ampliare la conoscenza del genere lirico anche ai giovani che forse lo conoscono poco».

Cancellata l’ultima serata della rassegna

Il concerto di sabato scorso ha chiuso l’edizione 2022 della rassegna. Il cartellone prevedeva un ultimo appuntamento sabato 3 settembre a Frinco con i Fonzarelli’s, ma a causa di previste condizioni climatiche avverse, la serata è stata cancellata.
La rassegna, avviata lo scorso giugno, è stata realizzata dalla Fondazione Monferrato On Stage in partnership con Consorzio Barbera e Vini del Monferrato, Confagricoltura, Ecomuseo BMA, Banca di Asti, Vignaioli Piemontesi, Assilab Assicurazioni Asti, Sfogliatorino e Righi, Cocchi Vermouth, Bosso Distillatori dal 1888 e Go. Il festival è realizzato in collaborazione con Monferrato Excellence, Sistema Monferrato, istituto Penna, Torino-Piemonte World Food Capital, Langhe Monferrato Roero, Attiva mente, BMU Booking and Management e Meta.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo