Sirianni Federico
Cultura e Spettacoli
Teatro

Martedì il concerto-spettacolo “Maqroll, Gabbiere” con Federico Sirianni

Ospitato nel cortile del Michelerio, chiuderà la rassegna “Edizione Straordinaria” che ha proposto i recuperi delle stagioni della rete Patric

E’ in calendario martedì 20 luglio il secondo (e ultimo) evento speciale di “Edizione Straordinaria: recuperiamo il teatro perduto!”, rassegna organizzata dal Comune di Asti, in collaborazione con la Fondazione Piemonte dal Vivo, che propone i recuperi degli spettacoli delle stagioni della rete Patric (Teatro Alfieri, Spazio Kor, Teatro di Dioniso e Mon Circo).
Alle 21.30, al cortile del Michelerio, andrà in scena “Maqroll, Gabbiere”, spettacolo liberamente ispirato ai romanzi dello scrittore colombiano Alvaro Mutis, con Federico Sirianni (voce, canzoni, narrazioni, chitarra e pianoforte), Raffaele Rebaudengo (viola e tastiere), Filippo FiloQ Quaglia (sequenze, basso), per la regia di Sergio Maifredi.

Lo spettacolo

Al centro dello spettacolo Maqrol, il gabbiere (marinaio che trascorreva la maggior parte del tempo sull’albero più alto di una nave) protagonista della saga letteraria di Mutis. In questo spettacolo di narrazione e canzoni, Maqroll è al timone di un vecchio cargo mercantile per raccontare la condizione esistenziale dell’uomo, vista come un lungo viaggio per mare. Un viaggio in cui i grandi personaggi della letteratura marina (il capitano Achab di Melville, il pescatore Santiago di Hemingway, gli ammutinati del Bounty, l’albatro ucciso dal vecchio marinaio di Coleridge) si incrociano sulle rotte più pericolose, tra tempesta e bonaccia, venti avversi e mostri marini.

Biglietti

Biglietti: 10 euro, disponibili in prevendita alla cassa del Teatro Alfieri, aperta mercoledì, giovedì e venerdì dalle 10 alle 14, e direttamente al cortile del Michelerio la sera dello spettacolo a partire dalle 20.
Per informazioni e prenotazioni 0141/399057-399040. Prenotazioni online su www.allive.it.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo