Mazzamauro nuda e crudaper cacciare via i cattivi ricordi
Cultura e Spettacoli

Mazzamauro nuda e cruda
per cacciare via i cattivi ricordi

Anna Mazzamauro sugli stage del Teatro Civico. Un altro volto noto (e apprezzato) dal grande pubblico calcherà il palco di piazza Garibaldi, a distanza di venti giorni dal successo fatto registrare

Anna Mazzamauro sugli stage del Teatro Civico. Un altro volto noto (e apprezzato) dal grande pubblico calcherà il palco di piazza Garibaldi, a distanza di venti giorni dal successo fatto registrare da "Rock Bazar" con Massimo Cotto e Cristina Donà. Sabato, alle 21, riprende con lo spettacolo "Nuda e cruda" il cartellone di prosa che ha in Mario Nosengo il direttore artistico.

Rappresentazione originale e divertente che vede come unica protagonista Anna Mazzamauro, la celebre signorina Silvani di fantozziana memoria. Sul palco solo lei assieme ad una piccola grande orchestra parlante formata da fisarmonica, pianoforte e contrabbasso. Infatti a caratterizzare questo spettacolo vi sono anche le musiche originali composte da Amedeo Minghi, che accompagnano i momenti più salienti. Dopo i successi registrati nelle due precedenti stagioni in cui l'artista romana, 77 anni brillantemente portati e festeggiati in scena a dicembre, aveva firmato e interpretato "Brava!" ma anche lo shakespeariano "Cesare e Cleopatra" ora è in tournèe nei teatri della penisola con una commedia quasi intimistica ma all'insegna del divertimento.

In "Nuda e cruda" Mazzamauro esorta il pubblico a spogliarsi dei cattivi ricordi, degli amori sbagliati, dei tabù del sesso, dalla paura della vecchiaia. Strizzando l'occhio al varietà francese, la piéce è un lungo monologo in cui l'interprete, partendo dallo spunto della bruttezza, parla di sé e della sua vita. Non venendo meno alla propria forte dose di autoironia la Mazzamauro prende in giro sé stessa e tutti i vari pregiudizi borghesi da cui spesso siamo attanagliati.

Lo spettacolo si articola in diversi dislivelli emotivi, che altro non fanno che magnetizzare ancora di più lo spettatore per condurlo all'interno dello spettacolo senza filtri inibitori, anche grazie ad una regia che spia tutti gli stimoli e tutte le associazioni stimolate dalla bravura dell'attrice-autrice. L'attrice non si risparmia, sul palco gioca e si diverte, e partendo da sé narra di un'Italia piccolo borghese e nutrita di luoghi comuni che al pubblicano suscitano risate ed applausi.

I biglietti, con prezzi a 15 e 12 euro a seconda dei posti si possono prenotare contattando il numero 0141 1761994, operativo dalle 9 alle 13 oppure il 373 8695116 sabato mattina e tutti gli altri giorni ma anche via e-mail ad info@arte-e-tecnica.it. La stagione del Civico di Moncalvo è resa possibile grazie al contributo Regione Piemonte, Fondazione CrTorino e Fondazione CrAsti e Comune di Moncalvo, con la sponsorizzazione della Banca CrAsti.

Maurizio Sala

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su whatsapp
WhatsApp

Scopri inoltre:

Edizione digitale
Precedente
Successivo