La Nuova Provincia > Cultura e spettacoli > Michela Cescon protagonista dei “Talking heads” di Alan Bennett
Cultura e spettacoliAsti -

Michela Cescon protagonista dei “Talking heads” di Alan Bennett

L'attrice salirà sul palco del Teatro Alfieri stasera con la regia di Valter Malosti

Talking heads II

Stasera (martedì), alle 21 al Teatro Alfieri, andrà in scena “Talking heads II”, una scelta di due testi facenti parte dell’omonima raccolta di Alan Bennett, nell’interpretazione di Michela Cescon con la regia di Valter Malosti.
Bennett è un noto scrittore, drammaturgo e attore inglese, e il suo testo “Talking heads” è quello che lo ha portato alla fama letteraria e televisiva, grazie anche all‘adattamento televisivo per la BBC. Una prima serie è stata realizzata nel 1988, una seconda nel 1998. Si tratta di monologhi, scritti appunto per essere recitati, per grandi attori e attrici. In Italia alcuni testi della prima serie erano stati interpretati da Anna Marchesini.

Lo spettacolo

Lo spettacolo è l’occasione per i due artisti, pluripremiati interpreti della scena teatrale italiana, di tornare a lavorare insieme dopo oltre dodici anni.
Michela Cescon veste i panni delle protagoniste dei “Talking Heads” scelti per lo spettacolo.
I monologhi sono sguardi sulla quotidianità: brevi commedie nere fondate su piccole storie, vite anonime, abitazioni che sembrano trappole. Situazioni da cui però, attraverso l’ironia dissacrante dell’autore, le protagoniste – quasi sempre donne che conducono un’esistenza banale messe d’improvviso ad un bivio della vita – vedono aprirsi altre esistenze possibili e scenari inimmaginabili.
Due, come accennato, i testi che saranno messi in scena. Il primo sarà “Miss Fozzard si rimette in piedi”. In questo caso la protagonista, impiegata in un grande magazzino, la cui vita ripetitiva è animata solo dalla cura di un fratello malato, si ritrova al centro di un’avventura. Avventura in cui i suoi piedi, veri protagonisti del testo, grazie alla presenza di un podologo perfetto, diventano lo strumento per un viaggio inatteso nelle terre sconosciute del sesso non ordinario.
Il secondo testo, “Notti nei giardini di Spagna”, è più denso, velato di profonda tristezza benché non manchino momenti di acre umorismo. La protagonista si trova a conoscere la persona che diventerà la più importante di tutta la sua vita in una circostanza tragica, quando quest’ultima assassinerà il marito che abusava di lei e le chiederà aiuto nella notte. Nascerà da questo incontro un’amicizia al femminile delicata e intensa.

Il commento del regista

«Due testi, due donne alla ricerca di sé stesse e dell’amore – commenta il regista, Valter Malosti – in cui l’autore si serve di una scrittura apparentemente piana ma in realtà piena di sottili strati, di infinitesime variazioni, e che, attraverso l’umorismo, ci porta in zone pericolose ed oscure dell’animo umano. La lingua di Bennett è una sorta di veleno che sembra non lasciare traccia, ma che si insinua nelle pieghe dell’ascoltatore in maniera quasi invisibile».
«Tecnicamente – continua – è una sorta di flusso di coscienza che utilizza molte forme letterarie, dal racconto alla scrittura teatrale, intersecandole e usando la punteggiatura, molto parsimoniosa, come una forma di notazione musicale. E sono proprio il ritmo e il suono, curati da G.u.p. Alcaro, il punto di partenza dell’interpretazione che ho proposto a Michela Cescon, attrice perfetta per questi testi».

Biglietti

Lo spettacolo, inserito nella rassegna “Parole d’artista/ Narrazioni femminili”, ha debuttato in versione di mise en espace in occasione della 16esima edizione di “Trend – Nuove frontiere della scena britannica”.
Biglietti interi: 20 euro platea, barcacce, palchi; 15 euro loggione.
Per informazioni: 0141/399057.

Clicca qui per ulteriori informazioni sulla stagione teatrale 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente